Gran Zebru' EP1 2020 - Indie, Alternativo, Post-Rock

EP1 precedente precedente

Gran Zebru': EP1

Tempo di primi lavori discografici per i Gran Zebru', band milanese che con il suo Ep1 prova a dare un assaggio del proprio progetto musicale che tenta di coniugare songwriting all'italiana e rock alternativo.

L'ep si compone di quattro brani dalla struttura insolita se pensiamo all'ultimo immenso filone di cantautori indipendenti e meno indipendenti che hanno dominato le scene in questi anni: "No Hay Bamba" guarda agli autori del passato con una lente di ingrandimento capace di dilatare le sonorità verso un post rock di stampo nordico, "Piccolo Lord" tesse trame musicali arabeggianti e vagamente psichedeliche che accompagnano un surreale viaggio in tram; l'elettricità di "Mr Turn" è quanto di più lontano ci possa essere dal cantautorato pop in voga oggi. La chiusura, affidata a "Solo Adesso", si candida come momento migliore del disco grazie alla sua bella dose di malinconia rock.

In sintesi, il debutto discografico dei Gran Zebrù conferma che la sala prove è ancora il miglior laboratorio in cui concepire la musica. Quando l'improvvisazione si unisce al talento e alla creatività possono venir fuori brani di uno spessore talmente elevato che ci fanno tirare ancora un sospiro di sollievo pensando al futuro della musica italiana. Se volevate il ritorno delle chitarre, eccole; Se volevate la qualità, eccola. La band milanese ha tutti i mezzi per togliersi (e darci) delle belle soddisfazioni, tempo al tempo.

---
La recensione EP1 di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-09-21 08:37:00

COMMENTI (5)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • elia99 11 mesi Rispondi

    sai che ieri sera ho preso un cazzo di tram .... gran pezzo

  • GranZebru 12 mesi Rispondi

    Grazie @nastya

  • nastya 12 mesi Rispondi

    piccolo lord bellissima.

  • GranZebru 12 mesi Rispondi

    Troppo buona, grazie! ;)

  • miamartini 12 mesi Rispondi

    a tratti piccolo lord mi ricorda jeff buckley. carina