Mekis Dub Archive 2019 - Reggae, Etnico, Electro

Dub Archive precedente precedente

Il dub vive di nuova linfa in questo lavoro ragionato ed al tempo stesso innovativo

Il dub quale atto creativo, manifesto del proprio stile di comunicazione che rispetta regole e crismi di un genere radicato nei decenni, che trascende dal mero discorso musicale. Mekis si cimenta in un viaggio solista dopo sette anni di lavoro a stretto contatto con ritmi e tempi in levare, plasmando il suo personalissimo “Dub Archive”, percorso tra le roots in streaming, CD e vinile.

Questo long play si compone di nove tracce, dove l'artista bresciano si è lasciato accompagnare da uno stuolo di fidati collaboratori per impreziosire il cammino, articolato ma al tempo stesso coerente, tra i sentieri del dub. Ogni canzone ci lascia sensazioni e sinestesie differenti, in un cammino etereo tra canzoni che si prestano alla contemplazione ed al mondo immaginifico. Sembra quasi che il dub/reggae sia il punto di partenza, ma non quello di arrivo: forte propensione etnica, elettronica presente ma mai troppo invasiva suggeriscono l'idea di un concetto molto più vicino alla world music che ad un singolo genere.
È l'inclusività a farla da padrone, abbattendo qualsivoglia tipo di barriera e perimetro artistico.

All'alba degli anni '20 Mekis ci regala una lezione importante: è ancora possibile suonare musica nata a cinque decenni di distanza. È fondamentale avere la lucida attenzione di costruire canzoni che sappiano includere il presente, nelle strumentazioni usate come nelle strutture sul pentagramma; in questo, c'è la grande intelligenza e sensibilità dell'artista coinvolto in prima persona.

Al quale va concessa un'importante menzione d'onore.

---
La recensione Dub Archive di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-09-22 01:12:06

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO