Caponetti Maddai 2020 - Cantautoriale, Pop

Disco in evidenzaMaddai precedente precedente

Caponetti è riuscito a debuttare in Seria A.

Caponetti esordisce cinque anni fa con un altro ep che, a dir la verità, Rockit non aveva recensito benissimo. Il sunto del discorso era che in Tutti contro tutti mancasse “quello che definiremmo sostanza e concretezza”. Cinque anni più tardi Claudio ci riprova con cinque altre nuove canzoni, ed effettivamente Maddai, il suo primo lavoro con Carosello, segna un passo avanti rispetto al disco precedente. Vuoi l’esperienza maturata in studio, vuoi per le energie e la determinazione che un giovane ragazzo può impiegare in un progetto una volta conclusa l’università, sta di fatto che questa mancanza di contenuto ha finalmente trovato forma. Tutt’altra musica, o quasi.

Il lavoro con un produttore professionista ha sicuramente influenzato il risultato finale, Tutti contro tutti era ingabbiato in un abito fin troppo casalingo, ed è probabile che una dimensione sonora adeguata abbia coadiuvato Caponetti in un miglior risultato espressivo. Del resto KATOO è noto soprattutto per aver lavorato con Tommaso Paradiso, un interprete che l’autore marchigiano, quando pronuncia versi come “ anche se tutto va a puttane veramente non ci penso più” sembra ricordar da vicino.

Post pop con una passione smodata per la Serie B. A Claudio piace descriversi così, e con l’ex frontman dei thegiornalisti condivide anche il passato come autore. Maddai, pullula di cliché tipici del nuovo cantautorato, Google Maps forse non sarà la versione 2.0 de L’isola che non c’è, eppure … Eppure il fascino del campo di provincia, la veridicità del calcio reale: se volessimo prendere la Serie B come metro di paragone per l’autenticità potremmo azzardarci a parlare di Caponetti come un Tommaso Paradiso della cadetteria. Un Emanuele Calaiò dell’itpop.

Lo strampalato realismo magico in salsa ascolana di Caponetti trova finalmente compimento in un lavoro minuto ma sicuramente più compiuto dell’esordio. Cantar del nulla non sempre coincide col cantar di niente. Ed è un merito, specialmente se a questo vuoto si riesce a dare una forma orecchiabile e vagamente poetica.

Dopo anni di gavetta, finalmente Claudio è riuscito a debuttare in Seria A.

---
La recensione Maddai di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-09-25 14:46:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO