Zic SMARTIES 2020 - Indie, Elettronica, Alternativo

SMARTIES precedente precedente

Zic: SMARTIES

Smarties, primo disco di Zic, si apre con la sigla dei celebri cioccolatini (la fastidiosissima "Una pioggia di Smarties sul mondo scenderà) datata addirittura 1984. Una ventata di gioia assolutamente gratuita e ingiustificata che apre le porte di un album indiepop elettronico in alcuni momenti talmente tamarro che, se fosse uscito a cavallo dei primi anni duemila, avrebbe sfondato quasi sicuramente (glielo auguriamo comunque). Ma andiamo per gradi.

"Top Level" non può non ricordarci il primissimo Cosmo: energia, ritornello orecchiabile, crescendo elletropop che esplode in maniera irresistibile; il seguito esplora mondi sonori dalle forti aperture internazionali e si apre a sperimentazioni indie-trap decisamente originali ("Over The Top"). Traccia dopo traccia e in maniera abbastanza inaspettata, questo disco convince sempre di più, vuoi per un'energia musicale che in questo momento in Italia serve come il pane, vuoi per l'ironia e l'irriverenza (quasi incoscienza) che Zic infila in ogni pezzo senza steccare praticamente mai. Questo album è sorprendente per molti aspetti, anche e sopratutto per la capacità di staccare all'improvviso senza perdersi per strada (si ascolti "Agosto 94bpm). Un percorso che esplora molteplici paesaggi sonori e background musicali estremamente diversi ma riuniti sotto un'unica bandiera.

Smarties è un disco di suoni e colori che, nel suo configurarsi come un'accozzaglia gioiosa e quasi invidiabile per i giorni che stiamo attraversando, riesce ad esprimere un'urgenza intima, ben identificata, talvolta addirittura irritante. In sostanza, quando un ascolto ti lascia stordito e confuso come ha fatto questo disco, vuol dire che stiamo parlando di qualcosa di davvero interessante.

---
La recensione SMARTIES di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-10-29 17:29:58

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia