Sotto Fascia Semplice Gambadilegno 1998 - Rock

Gambadilegno precedente precedente

Devo dire che recensire questo disco e' per me faticoso: i Sotto Fascia Semplice, infatti, sono un gruppo di fascistoidi e la etichetta "Rupe Tarpea" e' l'etichetta che produce altri gruppi di questo tipo, come i Londinium SPQR. Cerco quindi di eliminare le barriere politiche esistenti tra me e loro e di parlare un po' del disco.

"Gambadilegno" e' un lavoro abbastanza vario, che affonda le sue radici nel rock, nel blues e nelle chitarre elettriche, ma che lascia anche un po' di spazio alla pop-dance in "Avanguardia" e ad alcuni spunti psichedelici e quasi post-punk in "Poema di F." e "Squadristi".

La voce, come per i Londinium, si alterna tra rauca e pulita, sempre, pero', interpretata con rabbia, cattiveria o comunque con rancore; le linee melodiche sono praticamente monotonali. I testi sono impegnati, ma dal loro punto di vista, parlano di fare ordine ("cerca l'ordine") e invocano la rivalsa di una estrema destra forte ("Bandiera nera"), parlano di animi gloriosi, orgogliosi e temerari autocelebrandosi ("Automito", "SFS"). Alcuni testi sono vittimisti, al punto che toccano punti di involontaria comicita' ("Ancora in piedi"). Talvolta spero che questi gruppi estremisti di destra siano qualcosa tipo Marylin Manson (costruito per vendere, uno che propaganda il brutto-e-schifoso nelle sue canzoni e poi va a prendere la sua ragazza in giacca e cravatta), o tipo i Kiss. Purtroppo, pero', non e' cosi'. In questi gruppi skin la teatralita' del rock (che esiste in molti personaggi) non e' finta, loro non scherzano, sono proprio cosi': intolleranti.

Che dire? Come si fa a non comprendere che la tolleranza e' necessaria in una giusta societa'?

---
La recensione Gambadilegno di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 1998-11-21 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • TENAGLIA 2 anni Rispondi

    @adenero
    Non puoi aspettarti intelligenza ed elasticità mentale dalle zecche, su...

  • zaNabiT 4 anni Rispondi

    E come avrebbe potuto...? Quando parli di un cibo nauseante è difficile parlare di come il cuoco sia riuscito a concepirla e a cucinarla...I conati vengono ad ogni respiro.

  • adenero 5 anni Rispondi

    Mi sorge il dubbio che le barriere non le hai superate...democraticamente, ma non le hai superate. Potevi semplicemente recensire un lavoro senza dare giudizi .

IL TUO CARRELLO