< PRECEDENTE <
album La Mia Diagnosi - Clamidia

Clamidia

La Mia Diagnosi

2005 - Rock, Indie, Alternativo

RECENSIONE
20/12/2005

La clamidia è una malattia venerea. I brani dei Clamidia parlano di narcolessia, di alterazione degli stati mentali, di diagnosi, di spine nel cuore. Ci sono soli che piangono, quadri che bruciano, stanze vuote. In una parola: malessere. Esistenziale o sentimentale che sia, di questo si tratta: dal nome e dai titoli scelti scivola direttamente in tutti i testi, con l’intenzione di essere spiegato, anche con metafore spesso forzate ed estreme, con ossimori azzardati.

Peccato, però, che non si spingano a tanto anche con la musica: rimangono incastrati nei ritornelli orecchiabili, che fanno perdere valore alle parole e risucchiano tutta l’energia lasciando sguarniti d’attenzione i momenti che li precedono e li seguono. Ad ogni intro si spera venga mantenuta tutta la cura e la gradevolezza delle prime atmosfere; poi la razionalità compositiva ci riporta con i piedi per terra, la voce perde d’espressività e tutti i suoni si adoperano al servizio dell’inciso.

Un vero peccato, perché i Clamidia potrebbero spingersi ben oltre questo rock melodico dai testi metaforici, e lo dimostrano con "La casa, il grano e la mia quercia". Bisogna arrivare alla fine del disco, dunque, per convincersi: un parlato soffice ma intenso, un tappeto di suoni che non porta a nessun ritornello e che, stavolta, lascia davvero il segno. Proprio come la clamidia che, se non curata, può portare ad infertilità.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >