< PRECEDENTE <
album sette pezzi SANTACHIARAIn evidenza

recensione SANTACHIARA sette pezzi

2020 - Cantautoriale, Pop

RECENSIONE
27/11/2020

Santachiara, al secolo Luigi Picone, è nato in Puglia, ma è cresciuto a Napoli; infatti il suo nome d’arte è un omaggio all’omonima zona, nel quartiere San Lorenzo della città partenopea. Adocchiato da Carosello Records e Suonivisioni Records, ha cominciato a pubblicare singoli a giugno, e non si è ancora fermato.

In un mescolamento tra l'attitudine da rapper e quella da cantautore tradizionale, Santachiara dà vita a sette pezzi, un disco, una raccolta di singoli, un racconto di una settimana di un ventiduenne, che ha capito come farsi ascoltare in un panorama musicale saturo. Suona la chitarra, scrive i testi, ma il resto della musica la scrive per la maggior parte il suo compagno di viaggio, Andrea Cosenza, intelligente nel dare il giusto tocco contemporaneo a tutti i pezzi.

Storytelling e sonorità si collocano in quello che potremmo definire il colpo di coda finale dell’itpop. Flow annoiato per storie di tutti i giorni: gli amori vissuti con malinconia, i rapporti in famiglia, le metafore, spesso azzeccatissime, per filtrare il racconto della strada. Le tracce di sette pezzi, eterogenee e quasi estranee tra di loro, funzionano nell’ordine in cui sono state messe. Segnano una progressione che dal pop più tradizionale e tastieristico di Weekend da Cani -il verso di chiusura, “Passeró i giorni a letto come Morrisey”, è perfetto per capire il citazionismo ai limiti del forzato dell’indie nostrano- finisce nella canzone classica chitarra e voce di Quindi, traccia più bella e sincera dell’intero album.

Aldilà di queste valutazioni tecniche, c’è un fatto che stupisce. Santachiara, nonostante i suoi 22 anni, sembra avere l’aria di chi questo mestiere lo fa da tempo. L’attitudine, le parole perfettamente codificate per un pubblico specifico, sono quelle di un mestierante esperto. Anche se, sul finire del 2020, sentire ancora cantare “Mischio soda con il Ballantine’s” con fare à la Franchino, può risultare stucchevole e manieristico, la narrazione è credibile a questo giro. Ma dalla prossima volta, questi cliché saranno solo pigrizia.

sette pezzi è un prodotto impacchettato perfettamente, consapevole e al limite con l’anacronismo. Santachiara ha fatto capire di saperci fare, ora può rompere i paletti, per raccontarsi in modo completamente sincero.

 

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani