E-Van Amarti su marte 2006 - Pop, Indie

Amarti su marte precedente precedente

Capitano anche dischi così. Che non c’entrano una mazza col concetto di musica italiana che Rockit cerca d’imporre/diffondere, ma di loro son ben fatti, eccome! I milanesi E-van sono ben dentro l’italico mainstream pop-rock, con ascendenze nei territori albionici di U2 e Coldplay e che in Italia guarda agli ultimi Tiromancino (“Il Danno E La Beffa”), non ci raccontano nulla di nuovo (e d’interessante, per quel che riguarda noi indiefans), ma lo raccontano davvero bene, con una capacità melodica notevolissima, capace di farti seguire senza sforzo la canzone, con arrangiamenti ben fatti davvero, con quel tanto di moderno che non guasta ma non spaventa neppure l’ascoltatore medio, un’attitudine radiofonica spiccata, testi che parlano di mille malinconie quotidiane rimanendo su quel vago che permette di vederci dentro quel che ci si vuole.

Un disco di cui a Rockit non sappiamo che farcene, ma che potrebbe interessare molto il pubblico mainstream e le major. E che in fondo renderebbe la vita migliore un pochino anche a noi, se ci levasse dalle palle insostenibili dinosauri come Biagio Antonacci, Francesco Renga ed Eros Ramazzotti (coi quali gli E-van, sia ben chiaro, non hanno musicalmente nulla a che spartire). Che dire? Bravi, ma avete sbagliato ufficio.

---
La recensione Amarti su marte di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2007-03-22 00:00:00

COMMENTI (5)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 15 anni Rispondi

    Penso che non sia così pop da non essere "rockit"... Ho visto dischi molto + pop recensiti come se niente fosse.
    Le idee sono buone, da migliorare in alcuni punti l'intonazione. Gli arrangiamenti sono buoni, ma migliorerei a tratti i suoni del basso e a volte quello della chitarra. Cmq ripeto nuobe idee belle canzoni.

  • utente0 15 anni Rispondi

    hai colto nel segno è esattamente ciò che volevo dire. a proposito...tua madre non ti ha insegnato l'educazione.

  • pulce 15 anni Rispondi

    "testi che parlano di mille malinconie quotidiane rimanendo su quel vago che permette di vederci dentro quel che ci si vuole"....
    io invece credo che vaghi lo siete stati voi in questa recensione..

  • utente0 15 anni Rispondi

    ma che stronzata! Ci sono generi che ognuno di noi non gradisce ed emozionano migliaia di altre persone. A me (non so a te) Gigi D'Alessio fa CAGARE, ma purtroppo ha milioni di fans emozionatissimi. Adesso mi verrai mica a dire che la musica emoziona o no? Ma vaffanculo, va. E restaci.

  • utente0 15 anni Rispondi

    "mainstream"? "indie"? "major"? ....la musica o emoziona o no.

IL TUO CARRELLO