10/10/1998

Gli Splatterpink sono un melange di jazzcore, noise, funk, tempi dispari e jazzati e urla lancinanti; il secondo CD "Nutrimi" è un' ulteriore conferma della potenza espressiva e tecnica del quartetto bolognese, segnalato come gruppo live di impatto notevolissimo (vedi il loro concerto di spalla a PJ Harvey in Settembre). Con qualche credito a Mr.Bungle, Primus, John Zorn, con testi che spaziano da Ballard alle ordinarie storie di pazzia della nostra società, la loro musica è un insieme di patches e schizzi veloci che non risultano comunque fini a se stessi,in quanto l'energia e l'impatto ritmico hanno poco da invidiare ai sounds "Touch&Go"... Interessante l'uso del sax baritono come contrappunto ora al basso ora alle chitarre noise, notevole anche la batteria poliritmica di Leo Saracino. Un gruppo di non facile ascolto sulle prime, ma capace di affascinare e inquietare l'ascoltatore attento. Segnalo come pezzi "must" "Ballard" - quasi orecchiabile! , "Spettro" e "MDMA" per la loro potenza e "Teorema Bernardi" per il bell'ordito melodico di chitarre e flauto traverso.


fa13074@iperbole.bologna.it

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati