< PRECEDENTE <
album AGARTHI Sem&Stènn

recensione Sem&Stènn AGARTHI

Believe Digital 2021 - Pop, Elettronica, Electro

RECENSIONE
22/02/2021

Sem&Stènn stanno cercando un luogo speciale, sede dell'imperfezione, della sessualità libera e spontanea. Un luogo necessariamente ideale per fuggire dalla realtà satura di pregiudizio, dove le danze durano tutto il giorno. Il suo nome è AGARTHI, e così si chiama anche il nuovo lavoro discografico del duo.

Dopo essersi lasciati alle spalle la confusione e i testi in inglese che avevano caratterizzato OFFBEATsi sono presi il rischio di cantare in italiano, ma è stato solo apparente, perchè il racconto della loro Atlantide sommersa è nitido e luccicante, ed evita di nascondersi dietro giochi di parole o furberie. Sem&Stènn non sanno mentire, godono nell'essere spudorati, nel suono come nelle parole. E solo per questo andrebbero ringraziati, per portare di tanto in tanto un barlume di normalità nella musica italiana. 

AGARTHI risuona come un rave che si muove tra un hyper-pop appena abbozzato e le vibrazioni molto classiche anni '80 à la Depeche Mode. I sei singoli già rilasciati nel corso degli ultimi due anni continuano a funzionare anche nel concept del disco -così come i due interventi di CRLN e YaMatt continuano ad essere non brillanti e poco a fuoco nel sound-, mentre tra gli inediti spiccano le due tracce di apertura, perfette per catapultarci direttamente a metà strada del viaggio. Riconosciamo subito il sentiero, e poco alla volta  inizia ad assalirci il dubbio che si stia camminando sul posto, e che stiamo volando via lontano soltanto con la mente.

"Balla questo pezzo/ che tra poco finirà"

Così recita La notte con il sole, fanale di coda dell'intero lavoro. Si tratta del capitolo conclusivo, malinconico e languido, con cui Sem&Stènn non risolvono il dubbio di cui sopra, ma lo acuiscono. Sta finendo la nostra presenza su questo mondo oppure l'illusione di raggiungere la Kallipolis che ci hanno cantato fino ad ora?

AGARTHI ha il grande pregio di funzionare dall'inizio alla fine, nonostante gli evidenti momenti di debolezza -Mille Pugni Luna e Venere-. Ha il pregio di esaurire il proprio discorso nonostante la durata di appena 28 minuti, di mostrarci lo stato di grazia del duo, e in un certo senso un primo loro punto di arrivo. Il pedale dell'impulso lo sanno spremere molto bene. Ora è il momento di dare una svolta, di ricercare nuovi suoni e creare ibridi, affinchè Agarthi sia un punto di appoggio, e non una fissa dimora fossilizzata.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    • 1

      Colapesce

      Cantautoriale, Alternativo (13029 click)

    • 2

      Dimartino

      Cantautoriale (12041 click)

    • 3

      Lo Stato Sociale

      Cantautoriale, Punk, Elettronica (10671 click)

      new!
    • 4

      The Zen Circus

      Punk, Folk, Country (10596 click)

    • 5

      Bugo

      Cantautoriale, Lo-Fi, Demenziale, Alternativo (8960 click)

      new!
    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani