giargo in arte GABBIANO MIXTAPE 2021 - Rap, Indie, Hip-Hop

GABBIANO MIXTAPE precedente precedente

Il quarto lavoro di Giorgio Michele Longo, aka Giargo in Arte

In Gabbiano Mixtape i brani a base di chitarra e voce, in pieno stile indie italiano costituiscono il leit motif: canzoni estive, radiofoniche, come Swimming pool - Succo d'arancia, con la strumentale solare a base di tastiere e il testo leggero. C'è poi un indie da ballare, in Ieri Sera, e ce n'è uno più cantautorale, come quello di Liceo che cita Venditti e Shopenhauer e che ci riporta indietro agli anni delle superiori con discreta abilità.
È un album in cui collaborano numerosi personaggi, più o meno legati o frequentanti il mondo della musica. Il risultato è un mixtape in cui la parola d'ordine è leggerezza, più che nei suoi lavori passati.

Questo ormai è il suo quarto disco e il cantante foggiano sembra aver trovato la sua collocazione tra l'indie, il soul e qualche reminiscenza da MC che qua e là si sente ancora, come ad esempio in Non amarmi perché vivo a Foggia - grandiosa rivisitazione del pezzone di Aleandro Baldi del 1997 - o Ancora uffici tra le vostre piante, un feat dalla struttura canonicamente hip-hop. 

Nel complesso Gabbiano Mixtape è un disco denso di spunti anche molto differenti gli uni dagli altri ma che, grazie al lavoro di Giargo (Giorgio Michele Longo), trova una sua identità e un suo carattere preciso.



---
La recensione GABBIANO MIXTAPE di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2021-04-24 22:31:44

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia