SuperB Super B 1998 - Rock, Pop

Super B precedente precedente

Cos'è questo: it pop? Le note stampa come al solito parlano in questi termini, giusto per orientare gli addetti ai lavori, ma vi posso dire fin da subito che un cd del genere non rivoluziona canoni e non scuote standard, ma si colloca nel filone (pop!) melodico italiano e si fa apprezzare il giusto, sicuramente anche più di Alex Britti.

Provocazioni a parte, l'omonimo debutto del gruppo toscano è una miscela di suoni che richiama anche la tradizione pop inglese di questi anni novanta, compreso l'abbigliamento, sicché a prima vista, ma anche a primo ascolto, si potrebbero già fare i nomi di Blur, Suede e Pulp, precisando che la lista continuerebbe con tanti altri nomi. Eppure la sola cover di "Amore disperato", un vecchio successo di Nada qui reinterpretato proprio secondo lo stile (?) del gruppo, acquista nuova linfa ed è un potenziale hit-single. Stessa sorte potrebbero avere "Supersadorock" e "Cut up", due brani dalle vaghissime connotazioni ska che però si risolvono in arrangiamenti chitarristici alla Prozac +, questi ultimi 'plagiati' anche nelle soluzioni sonore di "Come mi vuoi".

Poi ci sono "Angeli", "Liberami, "Sulla strada" e "Nella notte", le (quattro) ballate che non devono mai mancare in un lavoro del genere perché dopotutto fanno 'media' nell'economia del disco. Un tantino rischiosa, ma non troppo, potrebbe essere "Ifix tcen", giusto perché delle tastiere 'plastificate' si incrociano (casualmente ?) con chitarre arrangiate diversamente dallo standard Super B.

Se fosse una produzione a prezzo speciale e avreste voglia di "un suono moderno, fresco, divertente e intelligente", in poche parole qualcosa di 'sfizioso', potrei anche consigliarvi quest'opera prima. Siate però consapevoli che in giro si trova di meglio, sia per l'originalità che per il prezzo.

---
La recensione Super B di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 1999-01-26 00:00:00

COMMENTI (8)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 15 anni Rispondi

    il batterista Giacomo Macelloni
    non che mio maestro di batteria suona con :
    Prozac +
    rh-umor nero
    ha collabroto con delle attività teatrali ecc...
    comunque e un mostro ed un grande insegnante

  • fakev 15 anni Rispondi

    li vedevo spesso al Baraonda 'in borghese'.
    mi sembravano solo dei pagliacci.
    :|

  • utente0 15 anni Rispondi

    Io so che il batterista suona con i prozac, gli Ilid e un altra band che non ricordo il nome

  • utente0 15 anni Rispondi

    ..ma de chè??

  • utente0 15 anni Rispondi

    quali??

  • utente0 15 anni Rispondi

    si a parte il cantante, tra l' altro sò che gli altri componenti sono coinvolti in altri progetti

  • nicko 15 anni Rispondi

    beh 'nzomma...
    :|

  • gringoise 15 anni Rispondi

    Pochi cazzi: erano dei grandi!