Ken La Fen Tua Madre 2021 - Pop, Indie, Urban

Tua Madre precedente precedente

Elogio alla sana voglia di fare un po' il cazzo che gli pare, Ken La Fen manifesta tutta la propria attitudine dadaista in "Tua Madre".

L'Abruzzo è terra scevra di compromessi, e proprio da questa regione arrivano i Ken La Fen, alfieri nostrani del trash emozionale che combattono l'incombere depressivo della provincia cronica a colpi di synth e voci drammatiche. Il più recente episodio che ravviva questo registro artistico emozionale è “Tua Madre”, extended play licenziato per Homeless Records.

Sette tracce a comporre una proposta d'ascolto che sembra non avere senso, ma un senso ce l'ha (eccome): quello che può sembrare a primo ascolto un pastrocchio in salsa urban, in realtà è leggerezza ed estro creativo veicolato da una robusta attitudine dadaista. C'è voglia di mettersi alla prova, esplorare perimetri sonori cercando di spingerne i confini all'inverosimile, per poi travalicarli; un lavoro corale, che mette in discussione i crismi di genere regalando un sorriso ma facendo riflettere su quanto sia labile il filo che unisce una parodia ad un lavoro pseudo-credibile. Anche perché poi si finisce per subire la fascinazione di “Tua Madre”: il giro di boa è affidato a “La Kimica”, un mantra che invoca la forza della lonza, del pane e del pomodoro, riuscendo nell'intento di restare in testa e stimolare un certo languorino.

Elogio alla sana voglia di fare, in musica, un po' il cazzo che gli pare: Ken La Fen incidono un album che ha il suo perché, e probabilmente anche più d'uno. Legittimo sforzo produttivo, ed al tempo stesso esperienza che risulta interessante per chi ne fruisce.

Avanti, ne vogliamo ancora!

---
La recensione Tua Madre di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2021-08-07 13:16:35

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • pons 2 mesi Rispondi

    "Siamo ricchi grazie ai soldi di papà."..... Finalmente un po' di verità. :-)