Banda Maje Ufo Bar 2021 - Funk, Electro

Disco in evidenzaUfo Bar precedente precedente

Sulla scia della nuova onda di electro funk che imperversa sulla Campania, la Banda Maje dà vita ad un disco d'esordio fatto di viaggi di provincia e malinconie lancinanti.

Ad aprile si erano auto annunciati con un doppio singolo che conteneva anche la cover della traccia dei titoli i testa di Bianco Rosso e Verdone – opera di Ennio Morricone –, e l'annuncio non sarebbe potuto essere più chiaro e lampante. La Banda Maje risuona, come gran parte della riviera campana, di quell'electro funk circostanziale che da qualche anno i Nu Genea hanno voluto con forza riportare a galla, facendolo stagliare sopra gran parte della proposta musicale nostrana, facendolo campeggiare come proposta da mostrare con convinzione in situazioni di grande importanza e utenza, come il Club To Club.

Ma non siamo per niente nel campo della mera riproposizione. In primis a variare è la città di provenienza, Salerno invece che Napoli. Come seconda cosa il nome non è scelto a caso. Chiamarsi Banda Maje ha un significato ben preciso, ossia che si è davanti a un collettivo numerosissimo di grandi musicisti, accomunati dalla passione per le atmosfere da B-movie degli anni '70, dai suoni pionieristici della disco italica di Pino D'Angiò, da un retroterra culturale che sta fortunatamente tornando in auge. 

Ufo Bar è un disco che fa leva sulla pura sensazione, sui tratti emotivi stravaganti evocati dalle storie raccontate a suon di groove irresistibile. Dettagli mai banali dettati dai titoli si incastrano con le melodie pungenti delle tastiere e i coretti in sottofondo, rigorosamente in dialetto. Quartieri salernitani fanno da sfondo a queste scorribande immerse nel cuore di quei due decenni vissuti da una gamma di eroi di provincia vasta quanto assurda. Ci arrivano oggi anneriti dal tempo fuori dalle loro discoteche, e sotto sotto disillusi, sulla scia del Agostino Di Bartolomei, capitano della Roma del secondo scudetto, leader schivo morto suicida a 39 anni. A lui è dedicata Ago, traccia più amara, nel cui cuore riecheggia gracchiante la sigla di Novantesimo Minuto. L'unico racconto fatto di parole ce lo regala Tonico70 in P'ciel, p'mar, p'terr, tra amore e contrabbando, e un flow invidiabile e pulito.

La Banda Maje gioca un campionato in cui vige la qualità, e lo fa usando la carta della versatilità. Andando a toccare diverse zone di quell'electro funk di cui sopra il collettivo campano riesce a far risaltare le sfumature di un immaginario - spesso interpretato in modo bidimensionale - che nasconde sotto la sua patina arancione una malinconia a tratti lancinante. Vale la pena di farsi un giro in questo Ufo Bar, col rischio di rimanerci più del previsto, cullati dal basso e dal sax.

---
La recensione Ufo Bar di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2021-06-29 17:03:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia