27/03/2006

è una questione di qualità
o una formalità
non ricordo più bene una formalità
come decidere di radersi i capelli
di eliminare il caffè, le sigarette
di farla finita con qualcuno
(Giovanni Lindo Ferretti, CCCP)

“Come faremo ora che il raccolto malato è andato perduto?”. La voce si spezza, le gambe tremano, il cuore torna a battere dopo un’inizione letale. Ed è paradossale, ma è così. Come la vita che ti prende a calci e tu che al posto di rotolare dal dirupo come un tronco morto e sbattuto e fiacco e spento, ti rialzi e rifiorisci corroborato da una dose di lacrime esagerata e ingiusta. Perchè “metti che una volta qui sia tutto facile”, ecco, mettilo, una volta.

Sono tornati i Non Voglio Che Clara e questo nuovo disco è un pugno allo stomaco. Maestoso, composto con un talento che in queste tracce si apre in tutta la sua strabiliante bellezza. Che esplora ancora una volta i crismi del cantautorato italiano con ascolti che vanno ben oltre la tradizione italiana in senso stretto (e ghettizzante) e raccolgono l’amore per sonorità invero più britanniche, europee, internazionali. Il respiro del mondo dentro un pianoforte di una cittadina di provincia, e viceversa. E “metti che lei ad un pianoforte non sa resistere”, piovono canzoni che abbracciano il De Andrè di “Non Al Denaro Non All’amore Nè Al Cielo” e i Black Heart Procession di “Two” (come in “L’Avaro”), Smiths e Tenco, Endrigo.

Fabio De Min riparte dall’epoca della canzone italiana sanremese, quando grandi compositori scrivevano grandi pentagrammi, non come oggi dove scarsi compositori scrivono scarsi pentagrammi che dovrebbero suonare dobloni ma semplicemente non suonano. Pone molta attenzione alle dinamiche, agli arrangiamenti, alla cura del dettaglio. Ma non è semplicemente uno che ha deciso che il presente faccia schifo mentre il passato au contrair non abbia che favole fantastiche. I reazionari non hanno i coglioni, questo si dovrebbe sapere. De Min invece ne ha a iosa nonostante il suo aspetto decisamente poco costantiniano, e con la testa piegata attorno al microfono fa scattare la scintilla e accende storie in cui ci si rispecchia. Parla di amore. Di donne. Con lo sguardo affascinato di chi ne coltiva il mistero e ne subisce l'assenza. Parla al singolare ma senza individualismi, se serve si proietta al femminile come in “Sottile”, dove Syria compare inaspettata e convince. Oppure abbandona l’autunno e lancia la domenica primaverile di maggio in “Troppi Calcoli”, ed è impossibile non battere il piede. La fascinazione dello sport (in “L’Oriundo” e “Questo Lasciatelo Dire”) si dipana attraverso le pose degli atleti, lontane e statuarie, il campo da calcio e la piscina diventano luoghi di vita dove l’intrecciarsi di sguardi e il movimento dei corpi è scansione emo-temporale. E’ un disco per gente che osserva, aspetta, scruta, soffre. “Sarò il primo a volerti salutare e sarò l’ultimo ad andare via”. Ama. Si consuma. Profondamente Vive.

“E’ una questione di qualità”, cantava Santo Ferretti, e so che un tale accostamento potrebbe sembrare inconsueto, ma i Non Voglio Che Clara rappresentano davvero una magnifica presenza per la canzone d’autore italiana. Perchè hanno compiuto il percorso giusto, curiosi di capire chi li affiancasse e avesse preceduti. Non hanno voluto anticipare i tempi per agguantare il successo. Hanno ascoltato tanta musica, di tutti i tipi, e l’hanno studiata. Poi, ad un certo momento, con naturalezza, hanno tirato fuori un album - questo - impressionante. Da cui Sanremo, se volesse ritrovare il proprio senso, dovrebbe ripartire. Troppi calcoli...

---
La recensione Non Voglio che Clara - Recensione - Non Voglio Che Clara di Carlo Pastore è apparsa su Rockit.it il 23/08/2019

Commenti (1)

  • centro per la pace 03/05/2009 ore 14:53 @megaphono

    ciao, siamo il collettivo megaphono e organizziamo concerti in provincia di messina precisamente a barcellona pozzo di gotto abbiamo in corso una rassegna di band siciliane e abbiamo ospitato cesare basile, ultravixen, feldmann... Vorremmo continuare a fare concerti ed essendo vostri fan volevamo sapere la vostra disponibilità a suonare da noi. capisco la distanza ma fateci sapere se ne avete voglia e quanto è il vostro cachet... fateci sapere a questo numero 347 1323115(tonino Mancuso)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati