Alessio Manis Don't Lean Out of the Window 2021 - Rock, Alternativo

Don't Lean Out of the Window precedente precedente

La definitiva consacrazione di uno degli artisti più interessanti del nostro panorama. Nove brani talentuosi ed emozionanti, osservati sempre dal lato oscuro della luna.

Don't Lean Out Of The Window è il titolo del nuovo lavoro discografico di Alessio Manis, cantautore polistrumentista residente a Stoccolma.

Non è più una sorpresa ormai, Manis è sicuramente uno dei cantautori e compositori di musica prog-rock più interessanti a livello nazionale e, probabilmente, internazionale. Questo nuovo disco di nove tracce ne è la conferma e rappresenta la definitiva consacrazione di un talento che, nonostante le influenze forti e ben radicate nel panorama rock anni '70, riesce ad essere originale ed emozionante ad ogni nota. Dopo la sfuriata elettrica iniziale di "Same Old Shoes" che riprende modi e maniere dei mitici King Crimson (ancora una volta, sì), arriva la melodia pinkfloydiana di "Leeway", con tanto di fiati a gradire. Il basso che sale lentamente e si lascia affiancare da una chitarra gilmouriana nell'incipit di "Postcards From The Past", con la successiva deviazione verso il mondo Genesis, rappresenta un brivido emotivo che solo chi ama la musica di quegli anni può comprendere fino in fondo . E pazienza se "In The Place Where I Live" ci spezza il cuore da quanto è bella nel suo stile folk filtrato attraverso la modalità Roger Waters, Manis non fa assolutamente nulla per caso. E pazienza anche se qualche brano come "Thougths, Words And Deeds" ci risulta abbastanza sentito (è praticamente un tributo a "Brain Damage" dei Pink Floyd), anche qui sembra tutto assolutamente voluto.

Alessio Manis continua a deliziarci con le sue architetture sonore e lo fa componendo, scrivendo, cantando e suonando un disco che profuma di lato oscuro della luna dall'inizio alla fine, ma anche di tutto il contorno che si lega indissolubilmente a quel periodo irripetibile. Con le dovute distanze, certo, ma anche con uno squarcio temporale che inevitabilmente diventa cruciale nel suo percorso creativo. Resta la musica, quella da ascoltare volentieri, lasciandosi annegare negli arrangiamenti e nella magia di questo artista dal talento enorme.

---
La recensione Don't Lean Out of the Window di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2021-10-20 08:54:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • AlessioManis 2 mesi Rispondi

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

  • CarlosAntenna 2 mesi Rispondi

    Che artista!
    Davvero una canzone eccezionale da un album fantastico!