Il Vuoto Elettrico Radice 2021 - Noise, Indie, Alternativo

Radice precedente precedente

La "Radice" della band bresciana dimostra attitudine e idee ben definite per un ascolto su molteplici movimenti che analizza il malessere umano. Un lotto di canzoni per orecchie buone.

La progettualità a lungo termine di una trilogia trova oggi completamento nel nuovo album de Il Vuoto Elettrico: “Radice” è il disco che chiude il cerchio in seguito alle pubblicazioni di “Virale” e “Traum”, licenziato per Maninalto!/I Dischi del Minollo su distribuzione Audioglobe.

Dieci tracce con un concept e sviluppi ben precisi: indagare la nascita del malessere umano, quel senso disilluso del vivere quotidiano che lo porta a essere disorientato e dolente. Per farlo, il suono ed i testi si prestano a narrare la mancanza, la perdita e l’assenza; rispecchiando attorno a queste condizioni i movimenti musicali, in bilico fra noise, rock alternativo e attitudine indipendente di quella buona, che rinverdisce i fasti degli anni '90. Il Vuoto Elettrico, d'altronde, ha una certa competenza ed idee artistiche molto definite, e possono contare sulla collaborazione di Pierpaolo Capovilla su “Il Temporale”, uno degli episodi più interessanti dell'intera tracklist.

Imprevedibilità, incursioni artistiche ardimentose e frenesia di pentagramma: questi elementi rendono il terzo disco della band bresciana una proposta valida e concreta. Bisogna avere un buon orecchio, allenato a stare dietro ai saliscendi che ogni angolo della proposta d'ascolto ci riserva, e non si resta per niente delusi.
“Radice” conferma le qualità de Il Vuoto Elettrico con un lotto di canzoni da cucirsi addosso.

---
La recensione Radice di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2021-10-18 11:30:39

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO