Giorgio Poi Gommapiuma 2021 - Cantautoriale

Disco della settimanaGommapiuma precedente precedente

Mantenendo viva la propria anima velata di malinconia Giorgio Poi vola verso le vette di un pop dolce e orchestrale

Come se stessimo cercando il motto banale per una pubblicità del miglior prodotto dolce spalmabile in circolazione, dando un primo ascolto a Gommapiuma quello che viene in mente è soltanto: Giorgio Poi significa qualità. Dal suo debutto di quattro anni fa è diventato il punto di riferimento per il cantautorato da maestro, quello dove scrittura e arrangiamento si incontrano sempre in modo giusto e fanno volare ogni canzone.

Negli ultimi due anni e mezzo le comparsate sporadiche di Re Giorgio sono state altalenanti. Prima la splendida Erica cuore ad elica, poi l’intervento dimenticabile nel disco di Francesca Michielin, infine la supervisione alla colonna sonora di Summertime da cui è scaturita la cover quasi obbligatoria di Estate di Bruno Martino. In poche parole ha tenuto il meglio per sé, e come sempre senza dir nulla si è preparato al nuovo lancio.

Gommapiuma suona come un classico, come se Giorgio Poi fosse un autore dalla carriera ventennale e il suo ritorno fosse una garanzia da lungo tempo. Sembra un classico perché, con le dovute differenze e novità stilistiche, ha tutti gli elementi specifici che fanno parte del suo linguaggio. Perché ora siamo ancora più certi che il buon Giorgio si esprima attraverso l’interezza di un disco, e mai con singole canzoni. L’inizio come fosse in medias res, il singolone subito dopo, a metà l’intermezzo, e un finale apertissimo, che lascia nell’aria quasi l’idea dell’incompiutezza. Ma aldilà di questi elementi quasi cinematografici, la costante della musica di Giorgio Poi è la bellezza, e c’è poco da fare.

L’inizio di Gommapiuma è un fulmine. I nuovi arrangiamenti ripieni di archi dolci ci investono del tutto, e sulle prime la sensazione è ambigua. In Rococò è presente una grande dolcezza compositiva che sottende un senso di disagio che fa quasi paura. In modo quasi inedito la malinconia, lungi da essere un brodo in cui crogiolarsi comodamente, si scontra violentemente con l’appagamento che scaturisce da composizioni splendide, e il culmine avviene nel featuring con Elisa, in cui la quasi perfezione del pezzo va a cozzare con l’idea del gusto terrificante del cocktail che gli dà il titolo. Questo contrasto diventa il motore intero di un disco più complesso di quanto sembri.

Infatti quando il terzetto finale composto da Supermercato, Barzellette e Moai ci lascia inizialmente interdetti è tutta nostra la colpa, perché a furia di Missili e Vinavil ci siamo scordati che Giorgio Poi, in un modo o nell’altro, ha sempre provveduto a destabilizzarci. Con la sua voce strana prima, poi con le sue continue virate a volte verso il cantautorato anni ’80 e altre verso il pop stracciacuore. La seconda parte di Gommapiuma, un lato B forse più debole e spogliato dello sfarzo iniziale, è tuttavia il ritratto più limpido e puro del suo autore, fatta eccezione per la storia d’amore tra gli scaffali di un market, un topos che lascia il tempo che trova.

Re Giorgio sembra non aver voglia di smettere di arricchire la nostra musica, e per questo continua a crescere, ad inglobare influenze, sfumando da arie degne di Alan Sorrenti ad approcci quasi sanremesi, ma tenendo sempre da sfoggiare in un angolo i suoi tipici toni languidi, bisognosi di qualcosa. Il suo terzo volo lo ha portato ad altezze notevoli, ed è bello saperlo lassù, e siamo pronti ad andarlo a trovare in quel cielo blu che campeggia sulla copertina.

---
La recensione Gommapiuma di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2021-12-03 01:32:32

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • maxavo 37 g Rispondi

    Finalmente Giorgio Poi ha capito che non deve cercare fuori da se la formula del successo, come ha erroneamente fatto nel precedente album, dove inseguiva la moda dell momento dell alternative a la The giornalisti (che sembra gia vecchia di decenni) ;come se per smarcarsi dall attitudine "battstiana" avesse optato per quella "paradisiana", quasi fossero paragonabili. In questo disco invece, torna agli esordi del suo bellissimo primo album, coniugando una ricerca musicale sofisticata e mai banale , a dei testi estremamente ispirati e capaci di piu di una suggestione. Gioca sulle sfumature e lo fa magnificamente, accentua la delicatezza creando melodie equilibriste capaci di non cadere mai nel melenso , anche quando prive di un testo (la bellissima gommapiuma, che sembra uscita da un bel film di franceso nuti). Insomma, Giorgio Poi ha superato la sua crisi d identità, e ci ha regalato un piccolo gioiello di musica "da camera", che non so se avrà il successo che merita, ma di cui "deve" andare orgoglioso. Bravo, ma non è una sorpresa.