B OONES birth 2022 - Strumentale, Sperimentale, Elettronica

birth precedente precedente

Poche pennellate elettroniche per un quadro altamente emotivo che disegna paesaggi sonori non lontani dai Boards of Canada

Poche note di elettronica minimale che sembrano venir fuori da un computer in tilt: così inizia il viaggio di B OONES, un flow di generi e melodie sperimentali, immagini sonore e rumori di varia natura creati da Sebastiano Buggiani e Rebecca Mazzoni, che hanno dato vita al progetto nel 2020. 

L'album che ascoltiamo si intitola birth ed è un percorso di formazione che comprende tutte le emozioni che accompagnano il cammino che ognuno di noi fa per conoscere se stesso. Il disco ha sei pezzi che durano molto poco, una media di due minuti a brano, perfetti per affascinarci e volerne di più.

Loro lo definiscono "ᴀ sᴀғᴇᴛʏ ᴠᴀʟᴠᴇ, ᴀ ʀᴀɴsᴏᴍ ғᴏʀ ᴏᴜʀ sᴏᴜʟs" e  lo reputano un modo per far pace con gli errori del passato. Gli ascoltatori non possono che essere catturati da questi accenni di canzoni strumentali di natura totalmente elettronica, che richiamano ai Boards of Canada ma anche a colonne sonore di immaginari film di fantascienza o a basi di post trap.

Il trip sonoro di birth, la destrutturazione in stile Warp di exploit, la cassa dritta inaspettata di sleep, i cambi di atmosfera di x, lo stupore di oh, la malinconia che mischia l'industrial con la melodia eterea e il minimalismo glitch della finale dry riempiono il quadro sonoro di una serie di colori sorprendenti, per un progetto che funziona e di cui attendiamo altre uscite per chiudere gli occhi e viaggiare di nuovo.

---
La recensione birth di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2022-01-19 16:55:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO