09/10/2006

The Mugshots. Questa mattina intensamente soleggiata lascia spazio all’immaginario horror-punk, occhiate e passi rapidi in una notte piovosa a casa di Frank n’ furter. Risatine malefiche e incipit da cattedrale gotica, le influenze dei Misfits come dei Damned si mescolano a ispirazioni darkwave ("Love on red yesterdays") e slow similromantici ("The mirror"), e tutto è teatralità ed estetica. La presentazione condiziona l’ascolto, parecchio.

Barocchi ed eccessivi in alcuni passaggi, rilassati e schivi in altri, questo lavoro alterna validi pezzi a costruzioni forzate, con tastiere irritanti e voce alla Igor (leggasi Aigor). Me li immagino in improbabili balletti col principe Carletto, zombi, uomini lupo e lune piene, padroni della notte in abiti ammiccanti.

I Mugshots, pur nei limiti del genere, realizzano un lavoro dignitoso, pieno e ben suonato, notturno e surreale, da ascoltare nel mezzo del temporale mentre le porte si aprono e si chiudono senza un perché. Sarà Igor.

---
La recensione Mugshots (The) - Recensione - House Of The Weirdos di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 18/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati