< PRECEDENTE <
album Vulnerabile - Luca Madonia

recensione Luca Madonia Vulnerabile

Storie di Note / Don't Worry Records / Suonimusic 2006 - Cantautore, Rock, Pop, Alternativo

RECENSIONE
18/05/2006

Un disco di un ex Denovo non passa mai inosservato. E guai se fosse il contrario. Tanto più se rappresenta il nuovo lavoro di Luca Madonia, il suo ritorno dopo quattro anni di silenzio, da quel “La consuetudine” che lo aveva confermato come uno degli artisti più eleganti della scena cantautorale nostrana. “Vulnerabile” ha un altro sapore, contiene spezie diverse, quasi appartenessero alla dieta di chi è in cerca di un’altra strada da percorrere. Ma fino a un certo punto: l’impostazione di queste dieci canzoni è sempre la medesima, anche se stavolta ci si trova a fare i conti con un’abbondanza di elettronica che ricorda l’ultimo Franco Battiato, non per niente ospite in “Quello che non so di te”. Un Luca Madonia più fedele al computer di quanto non lo fosse in passato: all’interno de “La consuetudine” c’era la presenza discreta dei Voodoo Phunk, ora la produzione di Fabrizio Federighi. Che discreto proprio non lo è. Tanto da aver costruito “Vulnerabile” edificandolo a colpi di synth-pop. Il che può piacere o no, ma l’impressione è che Luca Madonia questa volta perda in freschezza, che la sua estetica si smarrisca in suoni che sembrano non appartenergli (non in modo così radicale, almeno), che l’inconfondibile timbro della sua voce perda un buon tot della sua espressività (ascoltare, per credere, la distonia con gli arrangiamenti in “Dimmi cosa sarà”) . Non un album brutto, sia chiaro: di episodi piacevoli ce ne sono e nemmeno pochi (“Cuore impolverato” su tutti, senza dimenticare la bella cover di “Nights in white satin” dei Moody Blues), ma manca qualcosa, le sonorità dei Denovo forse. Anche nelle liriche, in gran parte incentrate sulla fragilità di chi deve chiedere sempre, che inciampano in qualche rima forzata e quasi mai si elevano dalla media. Giriamo attorno alla sufficienza, ma da chi ha contribuito a scrivere pagine importanti del rock italiano, ci si aspetta sempre un qualcosa di più.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti