Pablo e il mare Onde 2006 - Cantautoriale, Rock, Pop

Onde precedente precedente

Una volta c’erano i concept album e le lunghe interviste agli artisti che cercavano di indagare l’idea madre, quel significato che dava un senso ad ogni melodia, ad ogni ritmo, ad ogni singola parola. E per ognuno di noi quel disco diventava la Bibbia per ritrovare la nostra fede emotiva e musicale. Sono convinta che dietro ogni genere e ogni stile ci sia una cultura, un modo di pensare e vedere la realtà che viene trasmesso a chi ascolta. Il gruppo Pablo e il mare abbandona questo concetto e “Onde” è un disco che come un mare in tempesta ti sballotta ovunque: passiamo da pezzi decisamente rock a ritmi latino americani, per poi assaggiare velocemente sonorità reggae. Non si può negare che dietro questo lavoro ci siano dei bravi musicisti, abili nel sapersi destreggiare fra sound differenti, ma cosa rimane poi? Un disco arcobaleno che dice tutto ma troppo poco. Sarebbe superficiale voler chiudere ogni gruppo in un genere, soprattutto perché sono le sfumature a rendere più vivo un album, ma un filo rosso è necessario per legare emotivamente, per riconoscersi. A me l’idea forte di base in questo lavoro proprio sfugge, e tutto rimane un pò vago.

---
La recensione Onde di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2007-02-27 00:00:00

COMMENTI (5)

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 13 anni Rispondi

    bravi, anche in veste acustica e minimal come li ho visti da gilgamesh mercoledi scorso...

  • utente0 14 anni Rispondi

    l'ho comprato e .... mi piace assai. Mick

  • pabloeilmare 14 anni Rispondi

    Possiamo dire la nostra? In realtà la recensione di Mariella non è negativa... E comunque, "un disco arcobaleno" è esattamente il disco che volevamo fare. Tutti i dischi vicini alla canzone d'autore sono dischi arcobaleno... e poi "un mare in tempesta che ti sballotta ovunque" può essere una sensazione piacevole, a volte... detto ciò, lunga vita a rockit. E per tutti, il disco si può ascoltare sul nostro sito, all'indirizzo http://www.pabloeilmare.it/

  • utente0 14 anni Rispondi

    Io Pablo e il mare l'ho perso di vista da tempo, avevo assistito alla finale di Rock Targato Italia a Milano un paio di anni fa. Mi ricordo delle belle canzoni, un pelo sanremesi, forse. Ma mi aveva colpito per la qualità delle canzoni. Mi veniva in mente un po' i Denovo, un po' ... gli Scisma. Bravi, comunque.

  • lafede 14 anni Rispondi

    Ho conosciuto pablo e il mare qualche tempo fa e ho comprato il disco, che penso sia notevole, anche se li preferisco dal vivo. Trovo che Onde sia l'album di un cantautore del nostro tempo, tutti i dischi dei cantautori sono un po' "arcobaleno", come dici tu. Non x questo toglierei merito a certi testi, a quei musicisti, a quell'interpretazione. A Torino è una delle band che valgono di più, secondo me. ciao.:( la Fede, resistente e indiependente.