The Lovely Savalas Hot Dog For Frank 2006 - Rock

precedente precedente

Tralasciamo il fatto che i Savalas siano di Terni – oramai l’Umbria mi perseguita, nei demo da recensire e nella vita. Sorvoliamo sulla faccia che ho fatto quando nei ringraziamenti ci ho trovato il nome di un mio carissimo amico. Ascoltiamo il disco.

Cinque tracce ben assortite, tra hard rock e strizzate d’occhio al metal, un pizzico di cross over e anche qualche coretto grunge (come nella coda di The Dog Song, probabilmente la migliore). Un esordio decisamente piacevole, che riesce ad inserire citazioni più dure, nel senso più musicale del termine, senza appesantire né inquadrare troppo il disco nel suo complesso. La scelta di aprire con un pezzo orecchiabile e quasi emo nell’inciso, forse, non era la più azzeccata ma il riscatto sopraggiunge rapido, insieme alle scariche di chitarre.

Pur non eccellendo in originalità, i Savalas ci si piantano davanti belli compatti e, cosa importantissima, non annoiano. Il fatto che a me faccia sorridere Revolution At The Lyceum perché immagino sia stata scritta guardando le nuove generazioni davanti al Classico di Terni, è un’altra storia, su cui sorvolo volentieri.

---
La recensione Hot Dog For Frank di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2006-06-25 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia