< PRECEDENTE <
album Sisma - Dabol

recensione Dabol Sisma

Gibilterra records / Venus Dischi 2006 - Folk, Elettronico, Drum & Bass

RECENSIONE
27/12/2006

"Wellcome in Napoli, però ricordati, non puoi fidarti qui". Ok, il biglietto da visita è banale, ma ben presto il livello sale, il sangue si scalda e le ginocchia saltano alte. Napoli scalda, Napoli brucia. Sole tanto quaggiù. I pischelli crescono in fretta; le strade convergono in un baratro, in una scommessa. Il futuro scompare, le tradizioni persistono, le persone cambiano. La gente parla a bassa voce o resta muta. Mentre 4est se la rappa che è un piacere. Nessuno deve buttarsi giù: c'è sempre tanto da fare, anche se un giorno il Vesuvio scoppierà lasciando polvere.

Rhyming, dirty-beats, e suoni di sintesi; basso, chitarra e rhodes. E questo rock-a-muffin tellurico gira bene, anche tra le onnipresenti influenze di Asian Dub Foundation e 99 Posse. Se poi questa musica sembra di averla già sentita è perché dentro c'è tutto: London calling; Jamaica dreaming; Babylon burning. Bordello assicurato. E nonostante un "facimmo 'a guerra a chi maltratta, sfrutta e se ne fotte assaje" sia fuori moda, è necessario e vitale che ci sia; come ogni buon antagonismo che si rispetti. Anche se di solito, è proprio chi fa la guerra a maltrattare, sfruttare e fottersene assai… Comunque sono solo sfumature, e chi vuol capire capisce lo stesso: la guerra è ovunque. Infatti, come la mettiamo con la questione palestinese? Sono cazzi. E parlarne è pericoloso; doveroso. I Dabol lo sanno e lo fanno. Perché è facile perdere il filo, banalizzare, sputtanare tutto con slogan da stadio. È un rischio alzarsi dal materasso e camminare sopra fili di bava, ma l'immobilità non aiuta il cambiamento: lo subisce. O fight for your rights o sei già morto. In balìa. Schiavo.

Sisma è un vaffanculo socialmente impegnato, che sorride alla vita e convive con un "Love and peace pe' tutta l'umanità". Anche se naïf, mega. "Napulitan[i] from another space, no tarantella sulo drum'n'bass". La morale è muovere il culo. Hold on Dabol, rezpect!

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (9)
Carica commenti più vecchi
  • Luca Marinacci 08/01/2007 ore 10:49

    bravi dabol!
    e complimenti per la recensione!
    :)

    > rispondi a @luchino
  • Elisa Orlandotti 09/01/2007 ore 23:01

    mmmm... io li trovo piuttosto vivi.... :[

    > rispondi a @elisa
  • Elisa Orlandotti 10/01/2007 ore 00:02

    bhe... vedo che almeno di ittica te ne intendi!

    > rispondi a @elisa
  • Elisa Orlandotti 10/01/2007 ore 11:08

    dai.... allora ti sei sentito capito nel tuo essere allocco! mi fa piacere!
    :[

    > rispondi a @elisa
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti