Neural Noise Sweet Grunge 2006 - Rock, Grunge, Alternativo

precedente precedente

Gavin Rossdale è stato probabilmente il più spudorato e presuntuoso copione di Cobain che la storia ricordi, eppure il belloccio americano si è guadagnato un credito artistico importante in tutto il mondo. Personalmente ho amato Sixteen Stone, forse miglior fotocopia grunge mai prodotta nel periodo post-Seattle. Ed è proprio dai Bush e dal loro grunge futile che prendono le mosse i Neural Noise. E lo mettono in chiaro fin dal primo pezzo: praticamente una cover di Swallow. A seguire arrivano anche le contaminazioni di Stone Temple Pilots e di tutti i lori simili. 100% grunge (e non fatevi trarre in inganno dalle due cover di Cure e Hendrix). Messa così, sembrerebbe la solita operazione nostalgia anni novanta di una band alle prime armi. In effetti lo è, ma questi ragazzi non sono da disprezzare. Non hanno grande ispirazione, sono derivativi e fuori tempo, l'inglese è così così, ma sono davvero intensi. Rabbiosi, rumorosi e furenti. Grezzi nei suoni, con le ritmiche slabbrate, i chitarroni sgraziati pieni di feedback, le aperture melodiche ruspanti, qualche variazione nelle strutture, la registrazione garage ma con gusto. Sanno interpretare il grunge con uno spirito sincero e passionale. Molto banale, ma onesto. C'è un tenue fondo di credibilità in questo demo, piccole scintille di necessità espressiva che potrebbero addirittura nascondere qualche bella canzone ancora da scrivere, magari assumendo maggiore consapevolezza dei tempi moderni e dedicandosi ad una scrittura meno riverente. Insomma, le ore da trascorrere in saletta sono ancora tantissime e la maturità è lontana, ma nel frattempo è giusto lanciare un incoraggiamento a non mollare. Potrebbe uscire qualcosa di buono.

---
La recensione Sweet Grunge di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2006-09-04 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • neuralnoise 15 anni Rispondi

    Grazie mille per la recensione e grazie di avermi fatto conoscere i Bush che non conoscevo e che ora mi piacciano parecchio.

    Alex - alex@neuralnoise.info