17/10/2006

Il disco di Kama era piuttosto atteso. “Ostello Comunale” ha avuto un numero impressionante di download, poi video in rotazione, speciali on-line di Mtv e comparsate sul divano della Maugeri. Ma, al di là della promozione, a creare aspettative c’era un demo di un paio di anni fa, “Uno Specchio, Un Lavandino”, che aveva ricevuto, anche da queste parti, notevoli apprezzamenti. Questo il passato. Lecito attendersi molto.

E lecito anche dire subito che, pur mantenendo pressoché inalterati i riferimenti musicali, queste attese non vengono del tutto ripagate. Anzi. Delle undici tracce presenti, quattro consistono in nuove versioni dei pezzi del demo, per i quali la novità, fondamentalmente, risiede in una maggiore pulizia e cura, con abbandono netto delle sonorità lo-fi che ne caratterizzavano la vita precedente. I brani erano e restano belli, cambiano d’abito ma non perdono forza, a parte “Passami un po’ di vita…”, che, dotata di un testo non propriamente riuscito, si sorreggeva grazie alla sgangheratezza del contesto.

Dei pezzi nuovi sono da sottolineare il già citato singolo (potenzialmente un inno generazionale), “Festa Privata” (una sorta di “Sapore Sapido Bis”, a conferma delle capacità di Kama di cantare il piccolo e il privato) e la circolare “Principessa alle Sei”. Per il resto si arranca un po’. E in alcuni casi ci si incaglia, come nella scivolosa tripletta centrale, in cui la retorica banale di “Oggi ho vinto a Risiko” e “Marmitta Paralitica” stringe d’assedio la pochezza di “Lulu”, pericolosamente parente dello “Shock” di Pedrini.

Ed è un peccato, perché, a parte quest’ultima, le linee vocali di Kama invitano con insistenza al sing-along e musicalmente i pezzi prendono, con il gruppo che suona bene e si conferma validissimo anche dal vivo.

L’impressione è che sia sfuggito di mano l’equilibrio di surreale e non-sense, con cadute a volte pesanti; il risultato è un disco altalenante, con dei picchi notevoli ma con troppi momenti mediocri. Si resta quindi con l’amaro in bocca, con la sensazione che ci sarebbe potuto essere molto di più. Ma anche con la consapevolezza che quel molto può arrivare. Si spera presto. Perché Kama è bravo. Di questo si resta convinti.

Commenti (6)

Carica commenti più vecchi
  • enver 22/10/2006 ore 14:44 @enver

    con un testo molto migliore, però.
    ecco, è un buon disco. anche secondo me Ostello Comunale prometteva altre meraviglie. Ma 'Festa privata' (mezzo capolavoro), la stessa Sapore Sapido e, perché no, Oggi ho vinto a Risiko, ce la fanno eccome. Molte influenze 60, più Equipe 84 che Giganti. Tanto vino e tanti cani, quindi una cosa fatta per piacere a me ;) vai Ale! :)

  • Barbarius 23/10/2006 ore 00:10 @barbarius

    :)
    buon ascolto...

  • Hemano 28/10/2006 ore 08:34 @hemano

    A me il disco piace, e di brutto.

  • livere 30/10/2006 ore 11:49 @livere

    il promo digitale è molto bello. principessa alle sei è un super pezzone.. appena posso me lo acchiappo

  • Stefano "Acty" Rocco 30/10/2006 ore 12:23 @acty

    "Passami Un Po’ Di Vita Che Non Mi Sento Troppo Bene" è bellissima...

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati