< PRECEDENTE <
album Senza Scampo Ep - Gnut

Gnut

Senza Scampo Ep

2006 - Jazz, Folk, Acustico

RECENSIONE
27/10/2006

Il disco dei napolitani Gnut non sembra un nostro contemporaneo. Sembra rifarsi a cose molto più in là nel tempo. Quelle versioni unplugged che, anni fa, i grandi complessi rock regalavano ai loro fan. Insomma, un background rock da Litfiba et similia. Si offendono se li paragono a una versione “normale” dei Marta sui tubi? I giochi della voce sono simili ma la band che c’è dietro suona molto di più. Fiati forti, una band potente che suona decisa. Nessuna incertezza a bassa fedeltà e la sicurezza di un lavoro che deve suonare, a tutti i costi, bene. Facciamolo suonare, va bene. Ma i pezzi sono pochi. Resta un ep che non fa presagire ancora la possibilità di raggiungere la scrittura certa di un album più lungo. Perché se su 5 canzoni solo 2 sono veramente incisive - “Esistere”, un po’ alla Cocciante ma decisamente intensa e “Stimoli”, bossa energica dal ritornello sognante - e le altre sono divagazioni sul tema (jazzy folk acustico) vuol dire che nel songwriting c’è ancora da lavorare. Ma c’è tempo per quello. Non è la preoccupazione più importante. L’importante è che restino nel nostro patrimonio musicale. Alla prossima.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (7)
Carica commenti più vecchi
  • cinico 04/12/2006 ore 12:19

    Gli Gnut sono bravi. molto dal vivo. abbastanza su cd. hanno grandi margini di crescita secondo me. e cmq la rece non mi sembra una stroncatura. anzi. piuttosto un incoraggiamento ad insistere.

    > rispondi a @cinico
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >