14/02/2007

Che il disco di Dente sia fuori dall’ordinario lo si capisce da subito, già da un rapporto tra numero di canzoni e durata totale che registra 16 brani per un minutaggio di poco superiore alla mezz’ora. Un indizio di stravaganza decisamente emblematico, suffragato, poi, ampiamente nei contenuti; con testi abrasivi (“Scusi signorina se le lecco i piedi, ma un bacio e un omicidio sono la stessa identica cosa…") ed un intrigante poutpourri sonoro (con una chitarra acustica “portante”, sporcata da orpelli vari: fischi, suoni di campanello, rumori di traffico) che va a comporre una splendida raccolta di gemme di cantautorato visionario.

Alla fine ne esce un disco cinico, passionale, allucinato: composto da episodi epici come sono “Al mondo”, “Io della bellezza non me ne faccio un cazzo”, “Novemilaore”, “Pastiglie”…e pervaso da una originalità davvero fuori dal comune.

Complimenti a Dente, quindi, e quella creatività che gli ha permesso di realizzare un lavoro che davvero non lascia indifferenti! Un lavoro “come se ne sentono pochi” e felicemente sintetizzabile con la frase in calce al comunicato stampa di presentazione “Può creare dipendenza”!

Tracklist

00:00
 
00:00

Commenti (11)

Carica commenti più vecchi
  • Nicola Bonardi 14/02/2007 ore 19:31 @nicko

    sono solo io il coglionazzo a cui non funziona il promo di questo disco?! ho anche scaricato le due tracce ma non partono.
    :(

  • Nicola Bonardi 15/02/2007 ore 09:58 @nicko

    ok ma... il promo?
    :|

  • alwho 15/02/2007 ore 20:48 @alwho

    Condivido appieno,
    pure io a dicembre l'ho recensito è l'ho trovato esaltante e allucinato!

  • man0lo 15/02/2007 ore 20:58 @man0lo

    altra recensione

    http://245.splinder.com/post/10972652/Recensione+%5B006%5D+DENTE

  • Dante 15/02/2007 ore 23:08 @dante

    ma non suona più con Puddu? :):)
    uUuHaAuAUUAHAAHUAAAaHhAuUuAUUUuUhUHaauuaauauaHuahuAhahhaAU

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati