Federico Fiumani Donne Mie 2006 - Cantautoriale, Rock, Punk

Primascelta!Donne Mie precedente precedente

"La mia ragazza dorme / la domenica mattina / e dopo colazione si rimette a dormire // Io la prendo con filosofia, nel suo lavoro le pause sono strette / io la prendo con filosofia, perché lavora 6 giorni su 7 / Non come me / che non faccio / un cazzo / tutto il giorno // La mia ragazza nuota / nei laghi del silenzio".

Certo che c'era un altro modo per iniziare questa recensione, anziché riportare fedelmente i versi di apertura del brano "La mia ragazza dorme la domenica mattina", traccia numero #7 contenuta nel disco solista del cantante e autore Federico Fiumani. L'altro modo era correre su Wikipedia, imparare tutto in fretta e tornare qui mostrando di saperne più di Scaruffi. E infatti sono partito proprio da questa seconda opzione. Non foss'altro che nel frattempo "Donne Mie", che è poi il disco che vi sto raccontando, girava per la quinta volta nel lettore. Avvolgendomi in una spirale di contemporaneità che mi ha poi impedito di fare pompini al Fiumani leader storico del gruppo XY eccetera.

Prendete la canzone "L'incendio", è quella che apre il disco. Ecco, lì al 40esimo secondo di "L'incendio", per esempio, ti arriva una Fender con riverbero a suonare 4 note ascendenti. Quindi? Quindi gli Amari ci avrebbero messo un synth, Babalot un rumore, i Baustelle gli archi di C. U. Rossi, gli Afterhours uno strumento di Enrico Gabrielli. E invece Fiumani ci mette una stronza chitarra, glaciale e meditativa come il suo profilo sulla copertina del disco. Quindi una chitarra che richiama un profilo. Questo per dire che un artista, quando è se stesso al 100%, non ha bisogno di stupire, o sovraprodursi, o stortarsi per farsi notare. Te lo trovi lì monolitico: identico a se stesso nel fumare una sigaretta, nel posare per una foto, nel pensare a un arrangiamento.

Poi c'è questa cosa delle donne. Che il disco forse è dedicato alle donne. Ma lasciamo stare, ché intanto arriva "L'ora più bella": una canzone parlata con sotto ancora quella chitarra elettrica di prima. Fino a 3' e 55". E poi succede un casino. Succede che sta per entrarti in casa la rivoluzione sotto forma di punk italiano. Per 45 secondi. E poi nient'altro. Poi Federico ricomincia a cantare in "Perdonami di essermi innamorato di te" manco fosse Battisti. Ma saltiamo un attimo a "Un'idea di Paola". Una canzone in cui Paola cazzo se ha ragione, e noi siamo stati tutti un po' Fiumani almeno una volta nella vita con una Paola di fronte. E allora quando questa Paola gli dice "tu ami un'idea di me, non me" e lui risponde "spogliati che ti faccio vedere come amo l'idea di te ma non te". Beh, allora cos'altro c'è da dire? Niente, tanto ce lo sta già dicendo lui.

E allora ascoltiamocelo, 'sto Fiumani. Anzi, andiamo in negozio e compriamocelo, 'sto Fiumani. Mettiamolo nello stereo e ascoltiamolo mentre ci racconta le sue vicissitudini all'Ira Record Store, quando nessuno gli comprava i dischi e arrivarono gli avvocati. Fallito vero, non come i loser. Scopatore vero, non come i Motley Crue. Poeta vero, non come i. Fumatore vero, non come i rastamanni salentini. Chitarrista vero, non come gli shoegazer di Cremona. Cantante vero, con le stonature vere e i parlati veri e senza 15 armonizzazioni come boh. Per dovere di completezza avviso che in questo disco ci sono chitarre acustiche (molte), chitarre elettriche (molte) pianoforti (pochi), batterie (poche) bassi (forse, non è importante). L''importante è che qualsiasi donna vorrà scoparsi Federico dopo queste 12 tracce. Non era stato inventato per questo il rock'n'roll?

---
La recensione Donne Mie di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2006-11-13 00:00:00

COMMENTI (17)

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • sovietstudio 13 anni Rispondi

    Fiumani è grandioso,soprattutto nella scrittura dei testi.
    Che poi gli arrangiamenti facciano pena come pure le registrazioni è vero,ma fa anche questo parte del suo fascino,della sua genuinità.
    E alla lunga ci si innamora anche di questi difetti.

  • utente0 14 anni Rispondi

    ma quando la smettiamo co ste stronzate del fiumani poeta scopatore underground e quant'altro?
    ma l'avete ascoltato bene donne mie?
    ragazzi miei, fiumani è uno sfigatello che fa tenerezza ma vive nel passato..
    e in quanto a donne poi prende un palo ad ogni angolo..fidatevi..
    (e pensate con la vostra testa) [:

  • gianlucoide 14 anni Rispondi

    ...allora sei un poeta del rock. lo sapevi? :=

  • utente0 14 anni Rispondi

    Finalmente un innovatore allora! Quello che voi reclamate tanto...

  • utente0 14 anni Rispondi

    Ho capito, ma uno MAGARI legge una RECENSIONE per POI COMPRARE il disco, e non è che COMPRA IL DISCO e POI LEGGE LA RECENSIONE per confrontarsi con lo scrittoruncolo di turno che ha scritto l'articolo.

  • utente0 14 anni Rispondi

    Si, approfondisci le tue capacità di scrivere una RE-CEN-SIO-NE.

  • utente0 14 anni Rispondi

    Mamma mia , non avevo mai sentito Fiumani.. e parere personale. non mi piace per niente.. Quando avevo 17 anni avevo canzonato una poesia di un amico.. Ed è uguale a "Diciott'anni" !!! M'è preso male quando l'ho sentita.. non il testo ma la musica il ritmo e l'arrangiamento .. se di arrangiamenti si pi può parlare lol ..
    no no .. mi piacciono i suoni più ricercati. Che brutte ste chitarre acustiche buttate lì..

  • utente0 15 anni Rispondi

    concordo ho sentito di meglio

  • utente0 15 anni Rispondi

    Quanto ne vorrei sentire di canzoni così, come lo straordinario "Canzoni Perdute", dischi ancora puri, non contaminati dai discografici e dai produttori coglione. Federico non cambiare mai.

  • teofish 15 anni Rispondi

    Sono di Cremona, quindi sono uno shoegazer anche io? Olè! Figata!
    ...ehm... eccheccazzo vuol dire?? [: