< PRECEDENTE <
album Montecristo - Montecristo

recensione Montecristo Montecristo

Sleeping star 2007 - Rock'n'roll

RECENSIONE
02/03/2007

Certe volte basta una copertina a metterti di buon umore, e se poi l'ascolto ricompensa la curiosità la felicità raddoppia... quest'album è una bomba! Da una Roma sempre più calda il sangue s'incendia nelle vene, "Raw Power! Raw Power!" e così sia: prodotti da Tony James ( già storico Generation X e uno che, per intenderci, lavora a braccetto con Mick Jones) quattro brutte facce piratesche con il giusto tocco glam a stemperare l'eccesso di puzzo stradale. Forti di un cantato inglese che ammicca tra i sensuali boccoli di Marc Bolan ed i jeans stretti di Bon Scott, i Montecristo convincono su tutta le linea, sia quando partono a razzo cavalcando fuzz saturi stile Stooges ("Shake Your Bones", "French Kill"), sia quando T-irannosaureggiano sculettando tra goccie di tastiere e semplici melodie ("I'm A Wheel" e "Ready Steady Nothing", veramente bellissima con ospiti le mani di Gianluca De Rubertis degli Studiodavoli). Aggiungete una ballata notturna da ultimo bicchiere ("Part Time Loser") e miscelate il tutto con un immaginario in corto circuito spazio-temporale tra macchine americane, velieri, donne vampiresche, fiere affamate, fantascienza di serie B, camicie col pizzo e un pericoloso futurismo ottocentesco. Vi intrigano adesso?

Naturalmente con questi presupposti non si riscrive il DNA della scena indipendente italiana, non ci sono traiettorie nuove o illuminazioni sulla via dei compagni di etichetta Carpacho!. Inoltre non capita certo a tutti di far masterizzare il proprio lavoro a New York da Steve Fallone (chi è? Ma dai, è il tecnico degli Strokes e dei Tv On The Radio!), ma aldilà della qualità dei suoni ed il peso dei nomi, questa band ammalia giocando con quegli stereotipi rock su cui molti gruppi di genere si arenano (e affondano). La loro vitalità ricorda i disadattati che qualche anno fa lassù in Scandinavia ricosprirono il garage, ma con in più una patina melodica che il gusto dei due Studiodavoli ospiti ha saputo valorizzare. Se adesso siete stanchi delle parole andate ad ascoltarvi la conclusiva e inaspettata "Loader" in duetto la voce di Matilde De Rubertis: come solo Jesus & Mary Chain, come solo i motociclisti del club della pella nera, un mid-tempo venato di feedback che inesorabilmente cresce fino a trascendere lo spirito proto-punk dell'intero album, regalandoci l'elegiaco e sulfureo commiato di un gruppo in fiamme. Un altro ottimo passo per la Sleeping Star.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (6)
Carica commenti più vecchi
  • Stefano "Acty" Rocco 12/03/2007 ore 02:38

    e vabbeh...daje...chettefrega...



    > rispondi a @acty
  • Scarpelli 12/03/2007 ore 12:00

    quindi in effetti affermi che è vero.
    io li ho visti al circolo.
    suonano una mèrda, è vero.

    > rispondi a @scarpelli
  • Stefano "Acty" Rocco 12/03/2007 ore 12:01

    in effetti affermo che se suonano bene o se suonano male non mi interessa gran che...
    ...il disco è carino...



    > rispondi a @acty
  • OneSickVerse 14/03/2007 ore 10:31

    grande Marc Bolan!!

    > rispondi a @onesickverse
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

  • 1

    cmqmartina

    Pop, Elettronica, Dance (28240 click)

  • 2

    Little Pieces of Marmelade

    Psichedelia, Crossover, Garage (23364 click)

    new!
  • 3

    N.A.I.P.

    Cantautoriale, Elettronica, Demenziale (21856 click)

    new!
  • 4

    Vergo

    Pop, Electro, Trap (21136 click)

    new!
  • 5

    Casadilego

    Cantautoriale, Acustico (21032 click)

    new!
vedi tutti

La musica più nuova

Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani