< PRECEDENTE <
RECENSIONE
28/08/2007

Diciamocelo subito: se questo disco fosse uscito all’inizio degli anni 90, staremmo ancora tutti a gridare al miracolo. Ché un’energia simile, che a tratti tocca il furore, nel campo della contaminazione tra rock ed elettronica dance, in Italia l’hanno toccata in momenti di grazia solo Subsonica e Casinò Royale. Però siamo nel 2007, in un momento che forse segna il punto più basso dell’hype del genere. Però questo è anche il momento in cui, da alcuni segni, si comincia a intravederne una certa rinascita: penso a “Empire” dei Kasabian e soprattutto a “Myths of the Near Future” dei Klaxons. I milanesi Anarcord non assomigliano a nessuno dei quattro nomi citati. Piuttosto, verrebbero in mente talune lontane violenze soniche dei KLF, i bassi esplosivi e seducenti dei Marrs, un certo concetto che i pur grandissimi Primal Scream han sempre cercato di realizzare forse senza mai realizzare compiutamente. Tra suoni di chitarra un po’ datati ma forse lì lì per tornare di moda e occasionali inserti ora hip hop (i primi momenti di “Etno Power”) ora Buddha Bar (certi passaggi di “Tora”), quello che colpisce di più degli Anarcord, e ne fa un gruppo da tener d’occhio seriamente, è un’attitudine sexy presente in ognuno dei gruppi inglesi che ho citato e pressoché sconosciuta in Italia. Tanto più notevole, se si pensa che il cantato è prevalentemente in italiano. In “Handle With Care, Devil Inside” vive un clima che discende direttamente dalle serate acid house 88-92 in quel di Manchester. In più, questi ragazzi pestano seriamente, come degli Arctic Monkeys electro, e senza avere quella che chiamo la “sindrome del braccino corto e malato” che sembra attanagliare gran parte dei musicisti italiani, che a mio avviso spesso non hanno la furia sacra, l’urgenza primordiale così facile da trovare nei Paesi anglosassoni e che – mi dispiace, ma non ce n’è per nessuno – è l’essenza di rock e dance.

Musica fatta per ballare e sedursi pericolosamente, senza un briciolo della sciocchezza dance tamarra. Su tutti, spiccano i primi quattro brani, “Gangsta”, “Daft”, “King Of Fucking Beat” e l’eccezionale “Psycho Jesus”. Notevole anche “La nona”, più delicata. Se gli Anarcord sapranno lavorare bene per tirarsi fuori dalle secche delle nostalgie Nineties, potrebbero anche diventare una grande band. C’è questo rischio.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (29)
Carica commenti più vecchi
  • sliskovic 13/09/2007 ore 15:27

    qual'e' la frase?
    voglio ridere anch'io :)

    > rispondi a @sliskovic
  • uism 13/09/2007 ore 23:36

    Chi è Gianfranco Marziano??
    Comunque questi spaccano davvero... Troppe Cose è una bomba!

    > rispondi a @uism
  • sliskovic 15/09/2007 ore 01:26

    uno che bestemmia alla grandissima
    e in modo del tutto gratuito
    :)

    purtroppo chi non mastica dialetti campani non potra' mai apprezzare
    sigh!

    > rispondi a @sliskovic
  • iggy 12/04/2009 ore 13:40

    gran bell'elettronica. avercene..

    > rispondi a @iggy
  • Raqhi 30/06/2017 ore 22:57

    Un tassello di elevato peso specifico della musica italiana che mi ha emozionato,salvato e inspirato nella seconda metá degli anni 2000. Melodie e musiche rock-elettroniche visionarie e viaggiatrici. I testi: non sono l`elemento portante o almeno non sono il metro di misura e valutazione degli Anarcord ma agiscono come cornice completante. Sulla blasfemia: chi decide quale raggruppamento vocalico e consonsantico offende una entitá immaginata-creata-inventata e i suoi sostenitori? Godetevi questa perla.

    > rispondi a @Raqhi
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >