16/04/2007

La presentazione di “Orrendo Rock” dei Wild Week End lascia di certo a desiderare, con una copertina degna del peggior demo casalingo. C’è persino lo shampoo ai frutti in bella vista, appena sopra il bianco sovraesposto della vasca. Temo altro tempo perso. Ed invece, sorpresa. Garage, rock’n’roll, punk, il tutto senza staccare mai la presa, roba da Dirtbombs, roba di livello, roba che la Nicotine è la nostra Sympathy for the Record Industry, roba che a Salerno ci sono tre allegri ragazzi vivi e vegeti, altro che pippe.

Tutti sostenuti i brani, denso e ruvido il suono, manca giusto un’altra manciata di quell’afflato pop che ha portato al successo, per dire, gli Hives (“Better than you”). Stupenda la cover dei Guns’n’Roses “Nice boys don't play r’n'r”, esemplare l’iniziale “Paralyzed”.

Aggiungete a tutto questo bel materiale un live spastico ed al fulmicotone, andate in Inghilterra e fate il botto. You can fuckin’ use it.

---
La recensione The Wild Week End - Recensione - Orrendo Rock di Andrea La Placa è apparsa su Rockit.it il 19/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati