21/03/2007

Lo guardi in foto e capisci tutto: abbracciato alle sue tre amanti a 6 corde o appoggiato ad un muro, chiodo aperto e pelo in vista. Leggi i titoli delle canzoni: "Marchesa De Sade", "Regina Dell'Autostrada", "Radio Rock", "Ultima Generazione"...Donne col tacco e sadomaso, prostitute ammalianti ("Regina dell'autostrada, tu hai una marcia in più (...) Giudici, assessori, preti, professori / pagano il biglietto per portarti a letto"), le radio pirata e i Clash ("Dalle 7 alle 23, Radio Vaticana non fa per me (...) Prostituta, carcerato, omosex / Radio Rock trasmette per te"), il punk che era ("Lacrimogeni e blindati per noi che volevamo un mondo nuovo e libertà"), la società che cambia e dimentica. E ancora moto a tutta velocità, "pelli di serpente" dure a morire, "Fuggiamo via di qua, fa schifo questa città". E a rendere il tutto ancora più retrò, un'abbagliante cover degli Area con assoli, vocalizzi e tastiere. Insomma un immaginario rock anni '80, tanto reducismo e anticlericalismo, la voglia di cantare per i diversi perchè diversi ci si sente. La musica è un concentrato di rock FM, come Vasco e Joe Perry degli Aerosmith fusi insieme con gli arrangiamenti dei Beehive. Fabio Nardelli, psicoterapeuta e leader dei romani Uniplux, storico gruppo ultraventennale della scena punk all'amatriciana, ha partorito un album semplice e diretto, ma lontano anni luce dai gusti di un potenziale lettore di Rockit. Come si dice in questi casi, massimo rispetto. Comunque, mi piacerebbe vederlo collaborare con Remo Remotti.

Commenti (133)

Carica commenti più vecchi
  • Faustiko Murizzi 17/04/2007 ore 14:28 @faustiko

    dai, riportiamo la discussione su toni civili, evitando etichette che appiccicate tanto per non mi sembra abbiano molto senso.

    ritorniamo a parlare della musica e sul perché il disco di uniplux sia piaciuto oppure no (anche se mi sembra che l'argomento ormai sia stato trattato ampiamente...).

  • Uniplux 02/05/2007 ore 21:12 @uniplux

    allora non voglio ricominciare assolutamente la polemica ma invitare tutti i lettori interessati ( visto che il mio lavoro è stato ampiamente maltrattato in questo portale)a leggere la recensione del mio cd apparsa su Chitarre di maggio.....sembra che si parli di un'altro cd.... e la trovo professionele perchè invece di focalizzare l'attenzione sul pelo in vista o sul reducismo dei testi parla di MUSICA e di nient'altro....e i paragoni mi sembrano ben lontani dai beehive e remo remotti....meditate meditate...

  • deadsuit 03/05/2007 ore 02:04 @deadsuit

    Sei veramente patetico.

  • Uniplux 03/05/2007 ore 03:01 @uniplux

    Io non sono patetico ho solo fatto un invito a documentarvi su punti di vista diversi dal vostro.....se vuoi ricominciare la polemica allora ti dico sei solo un moccioso che non sa vedere a un palmo dal suo naso ok? ti va bene cosi????

  • Stefano "Acty" Rocco 03/05/2007 ore 03:19 @acty

    -
    stop.
    è abbastanza...

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati