02/03/2007

Dejligt, prima uscita della neonata etichetta Matteite, è un progetto di Matteo Dainese - originariamente batterista di gruppi come Ulan Bator, Meathead e Here (ma anche di Jitterbugs, Warfare e Bikini Bandits) - e di Enrico Molteni, già bassista dei Tre allegri ragazzi morti. Un progetto avviato durante i live del 2005 e concretizzatosi nell’anno in corso, con un album ricco di ospiti: alcuni legati a Dainese da comuni esperienze musicali, come Colin Lee e la fondamentale Carolyn Honeychild Coleman (controparte vocale al femminile) e altri “esterni”, come Troy von Balthazar dei Chokebore, Rob dei Mazuraaan e Enrico Berto.

Un esordio dal suono riconducibile per certi versi ai dEUS del penultimo lavoro e alle atmosfere degli Yuppie Flu, nel caso in cui potessero subire, gli uni e gli altri, una sorta di processo di svuotamento nelle componenti sonore. I dEUS di "The ideal crash" ritornano sia in un cantato che all’improvviso inizia a rincorrersi nervosamente (“Beat the Gong”), sia in alcune estensioni armoniche (“My favorite supervisor”).

In generale “Feed the dog” è un album leggero e colorato, fatto di aperture e melodie pop, in cui la strumentazione tradizionale, discreta nella parte ritmica e protagonista nel resto, si fonde con quella che può essere definita un’elettronica-giocattolo. Un’elettronica bambina che a momenti gioca a fare la grande, assumendo temporanee pose glitch-pop (“Behind the curtain”), ma che preferisce flirtare con le chitarre, il basso e la batteria nella creazione di morbide - a volte quasi gommose - linee sonore (“Never go back”, “Take the first self-leaving”) che accompagnano liriche narranti una quotidianità appartenuta ai luoghi più diversi e, per certi versi, ancora in svolgimento. Vita ordinaria, persone e riflessioni, come la semplice, ma vera “people don’t see us as we are, but as they like” di “Spider man”.

Insomma, un album molto, molto carino, ma non fenomenale.

---
La recensione Dejligt - Recensione - Feed the dog di Sara Loddo è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati