24/01/2007

Ancora nel dubbio di un autunno infinito che non apre alla peggiore stagione con boria, soccombendo soltanto al gelo mattutino che con mano gentile vela i vetri e ogni superficie e un po’ i pensieri. Mi lascio andare a visioni poco nitide ascoltando gli Zaibuglisch, sapori progressive, cambi di introspezione e pezzi interminabili. La cosa non mi entusiasma, a dire il vero. Nessun brano esplode, non ci sono cime ma solo una vasta pianura di suoni poco incisivi, a volte vecchi. Un po’ Beatles in fase sperimentale, un po’ King Crimson e compagnia bella, “Pinguino atomico” è ben svolto ma non piglia, manca di intensità e spessore, inciampa nella pesante sequenza di minuti che lo compongono, dov è l’energia e il senso? Mi annoio, ecco tutto.

---
La recensione Zaibuglisch - Recensione - Pinguino atomico di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Tracklist

00:00
 
00:00

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • Ktulu84 27/01/2007 ore 13:50 @ktulu84

    Tralascio le mie considerazioni climatiche, ed arrivo subito al dunque.
    Conosco gli Zaibuglisch personalmente, ed ho assistito a molti loro concerti oltre ad avere i loro album.
    Sono inoltre un amante del progressive e "compagnia bella" (come riassume il recensore)anni 70.
    Certo l'album Pinguino atomico contiene della parti ripetitive e la registrazione non è delle migliori, ma i sapori progressive ed i cambi di introspezione rendono l'album uno psichedelico viaggio musicale. Non occorre energia.
    La suff è meritata!
    Ringrazio
    Paolo
    ktulu84@libero.it

  • Ktulu84 27/01/2007 ore 13:52 @ktulu84

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati