< PRECEDENTE <
album A Merry Christmas L'Uomo di Vetro

recensione L'Uomo di Vetro A Merry Christmas

2007 - Post-Rock

RECENSIONE
12/03/2007

1997, un sottovalutato gruppo scozzese incide "Mogway Fear Satan": una canzone che getta l'anima a bruciare in abissi infernali, ma solo per poterla elevare in polvere verso un celestiale approdo di amplificatori in saturazione. Cosa chiedere ad un disco post-rock 10 anni dopo?

L'Uomo Di Vetro non è una persona accomodante, le chitarre arpeggiano fredde e distanti, la batteria incalza, i campanelli trillano arcani. Il presagio si fa imminente, un cielo oscuro sopra una grande pianura americana e tu che aspetti. Ed eccola, arriva. Ma la tempesta non riesce a travolgerti, non riesce a farti piangere dalla disperazione. Ti senti sicuro perchè conosci già le sue mosse. Cercavo le emozioni: questo cd, ottimamente suonato/mixato/presentato, me ne ha date soprattutto con "Untitled", che parte eterea e poi... una curva improvvisa, si apre un nuovo orizzonte, la strada è stretta e scende verso un oceano prima nascosto, la tua macchina accellera, non riesci a frenare. "Vi porgo i più cordiali saluti dall'inferno, il mio! (...) Lasciate ogni speranza o voi che entrate!" digrigna la voce recitante sul pezzo conclusivo: ma per ora, l'Abisso di vetro non è poi così epicamente diverso dal solito. Che il tempo porti consiglio.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani