23/03/2007

Non saprei come definire la musica dei Golf Clvb se non come new wave. Certo, una definizione più che generica: new wave, infatti, può voler dire un sacco di cose. Ma è proprio una molteplicità di espressioni musicali a stare all’origine, per poi fondersi e creare il suono della band sarda.

Un album d’esordio registrato in cinque giorni in cui le aperture, i giri di chitarra, gli stacchi, le variazioni ritmiche, le estensioni del sinth e gli impasti vocali creano nove episodi variegati. A volte accostabili a certi echi Jane’s Addiction (“Blow away”, “Autostop”), soprattutto per l’uso della voce – che, fra le altre cose, è l’elemento meno convincente - delle altre avvicinabili a degli Arcade Fire privati della loro componente mistico-sacrale, altre ancora rivestiti da panni semi-grunge (“Sheepdog”). Fra i pezzi più riusciti, comunque, ci sono “All is gone” e sicuramente “Edison at home”, traccia, quest’ultima, che allieta con una trama delicata e lievemente tesa, ricreata da secchi tocchi di batteria e da un riff ammaliante.

Un gruppo che già dal primo lavoro si rivela musicalmente ineccepibile e sufficientemente fantasioso: capace di intrattenere senza mai annoiare.

---
La recensione Golfclvb - Recensione - S/t di Sara Loddo è apparsa su Rockit.it il 23/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati