19/04/2007

Scorrono alberi e orti e strade, nel pieno di una stagione che non c’è, sole timido e pensieri rapidi, colori nell’acqua, luce. Gli Enkil’s eye esplodono nel mattino con energia sostanziale, trascinano e spingono e suonano bene con voce eclettica e fluida, bella batteria. Grunge style che ricorda i Nirvana ma ancor più i Soundgarden, come camminare con scarpe anni novanta comode anche se fuori moda. Validi, incisivi e conditi, pur presentandosi con uno scarno foglietto di due centimetri quadri e senza un ciao, gli Enkil’s eye comunicano potenti i loro istinti musicali disegnando un lavoro compiuto tra le nuvole appena accennate di oggi. E sorrido.

---
La recensione Enkil’s eye - Recensione - Sad - demo di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 16/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati