< PRECEDENTE <
RECENSIONE
28/05/2007

A questo punto lo sai. In un brutto-paese di rap fiacco e falso, che a confronto l’albero della polenta è una verità assoluta, i Club Dogo sono una realtà di successo. Vincenti tanto quanto un pelo di figa in questa stronza società. E lo so che vorreste essere come loro, vi piacerebbe fare un rap spaghetti-gangsta e non esser presi per pagliacci, ma non è così. Voi siete dei fanghi di merda insicura col microfonino, loro sono tre merde di rapper col portafogli che comincia a riempirsi di quello che fanno. E per il dinero si diventa animali. Milano gli sbava dietro. “E se Costantino nell’I-pod ha il Dogo, lo spinge a Coco che lo spinge alla Lodo”. Mentre la città della Madunnina è cosparsa di neve di Colombia, con “Vile Denaro” Don Joe, Guè e Jack La Furia provano ad impossessarsi della rap-nazione. E non ci riusciranno. Come non ci è mai riuscito nessuno. Per le superfluità che nascondono dietrologismi di provincia, mc spaventati che spompinano i cronisti dell’ovvio. Il risultato sarà positivo, ma non devastante come l’effetto che hanno avuto su Milano. I Club Dogo se la scopano Milano, la mettono in tutte le posizioni. La possiedono. E lei gode. E tu godi. Perché dicono la verità così com’è. Stronza e maledetta. Anche se “Vile Denaro” non supera la potenza di “Penna Capitale” diventa un ottimo step avanzato di cool-shit all’italiana. E a nessuno frega che dietro ci sia una major, nonostante il featuring con Daniele Fit, Rif o come-cazzo-si-chiama, pesi un po’ sul culo dei fans dei tre milanesi. Per “Vile Denaro” l’orizzonte si amplifica. Esplode. Un misto di accuse ad un’attitudine politica marcia e discorsi generalisti con i controcazzi. La verità sta nelle cose che nessuno sa, ma poi alla fine è la tua verità che ti salva. Ragionamenti generici, che è l’Italia che ci ascolta ora. Con i linguaggi di oggi, quelli nostri, e i modi di fare di questa cazzo di generazione ben diversa da quella dei cinquantenni arrapati che fanno i condottieri dei miei coglioni. Qui la linea è quella dei giovani distaccati da una razza di political junkie avariata. Tu sei come nel disco dei Club Dogo. Può non piacerti il pezzo con Stylophonic e “Ora che ci Penso”, ma il resto spacca. E’ attualità scritta così com’è. Suoni che hanno studiato tutte le lezioni della Stone Throw ma che non disprezzano le chewing gum dirty south o le sfumature di Philadelfia. Definitive Jux e italian classic rap. DonJoe è il migliore produttore hip hop della nu generation italica. Cazzuto e riconoscibile. I Dogo suonano poesia grezza in rime, come quella che Parini o Manzoni avrebbero scritto oggi, qui. Consapevoli di cos’è là fuori. Con espressioni e punti di vista reali. Poi censurategli pure la single track, ma se vi scandalizza la parola puttana, allora chiedetevi cosa fa il 98% delle vostre splendide fidanzatine nei club il venerdì sera. Fanculo. L’amore non è quello dei film di Muccino. Definire un disco così è complicato tanto quanto stabilire se l’effetto dell’oppio è appena cominciato o sta per finire. Qui non si parla di scientismo genetico-sonoro, se si apre bocca si rappresenta una verità che fa rumore. Si porta un messaggio nelle strade. E poi nei club. Ovunque. Lasciare un segno e scappare. Poi butta via tutto e torna da re. A quel punto ne sarai certo.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (29)
Carica commenti più vecchi
  • Pseudo 01/06/2007 ore 10:23

    Dai. Smettiamola di parlare per slogan.

    Che già c'abbiamo Berlusconi che lo fa da anni.

    E poi a me il troppo, stroppia.

    Cià.:[

    > rispondi a @pseudo
  • cinico 02/06/2007 ore 11:22

    non sbambineggiare.
    nel momento in cui scrivi qualcosa di pubblico e c'è modo di commentare, automaticamente posso dire la mia. anche se non mi hai chiesto un parere.
    resto dell'idea che i sessantanove giornalistici siano un po' patetici.
    ma sono molte le cose patetiche che vedo crescere ogni giorno quindi non preoccuparti. che la compagnia è buona. e nella vita si possono anche compiere errori di valutazione. sugli esseri umani, sulle aziende, sulla fanzine. l'importante è mantenere una finestra aperta sul mondo e lasciar entrare aria fresca almeno una volta al giorno. il resto vien da se. e poi di questi tempi a roma nell'aria c'è un certo "non so che"... quasi stupefacente...

    ps: a proposito di croci. "...ognuno ha la sua croce... meglio piantargli un palo in mezzo agli occhi... oppure perdonarlo?"
    anche se ovviamente non me lo hai chiesto... ti dico che più passa il tempo e più propendo per la prima ipotesi.

    > rispondi a @cinico
  • Pseudo 02/06/2007 ore 12:24

    Anche Pascoli aveva la sua croce.
    Era Croce.

    > rispondi a @pseudo
  • neuromante 04/06/2007 ore 17:40

    La recensione anche se per certe espressioni usate, puo' sembrare al di sopra del comune leggere a me e' piaciuta, fermo restando che tra i brani migliori e che sviscerano il D.O.G.O pensiero-poetica, c'e' proprio LA CHIAVE arricchita da una voce meraviglia.:? :)

    Sul brano con Daniele Vit, potrei anche essere d'accordo, anzi non mi piace per niente la sua feat! :=

    Ma per il resto posso dire e senza ombra di dubbio

    DOGO RULEZ! :):]:)

    > rispondi a @neuromante
  • Bohemia 03/02/2010 ore 15:13

    "I Club Dogo se la scopano Milano, la mettono in tutte le posizioni. La possiedono. E lei gode. E tu godi."
    Io a Milano ci vivo, e se uno di quei tre provasse solo a farmi degli apprezzamenti, gli sparerei una fucilata.
    Detto ciò, uno che scrive una roba del genere non può fare il giornalista musicale.
    Spero stesse scherzando..

    > rispondi a @bohemia
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >