Messuria Canzoni ottimiste per la fine del mondo 2007 - Rock

Canzoni ottimiste per la fine del mondo precedente precedente

Mediocre rock milanese anni novanta e poco altro. Non ci sono molte cose da salvare in questo esordio dei Messuria. E' tutto fermo, sbiadito, noioso. Costruito con quell'enfasi artefatta da italiano che scopre il gusto per la musica alternativa, convinto che prolungare le parole con "iaiai" e "uouo" faccia molto americano e che una chitarra distorta basti a fare rock. "Canzoni ottimiste per la fine del mondo" è un concentrato di stereotipi di hard rock scolastico, mescolato a manciate di grunge melodico e qualche sporadica fuga funky-blues. Suonato egregiamente, senza dubbio, ma privo di un solo bagliore di idea. I Messuria si imbarcano in canzoni fragorose e dirompenti, ridondanti di pathos, piene di suoni, assoli, cambi di ritmo e canti a squarciagola, con melodie epiche degne delle ballatone pop. Il problema è che la scrittura è disastrosa, la personalità praticamente assente e nemmeno un brano riesce a tirarsi fuori dalla melma di una banalità disarmante e di una pesante assenza di autonomia stilistica. Questa è la musica rock che potrebbe passare su Latte&Miele. Nulla in contrario, ma qui cerchiamo altro. Bisogna osare di più. Mettere da parte i modelli, stracciare il pentagramma, guardare oltre. Attivare il talento, se c'è. E diventare critici, molto critici. Perchè si può anche tentare la via del rock in modi tradizionali e manieristici, ma ci vuole un progetto di bellezza. E invece questo disco è piuttosto brutto.

---
La recensione Canzoni ottimiste per la fine del mondo di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2007-10-23 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 14 anni Rispondi

    in effetti la recensione è un po' cattivella.

  • utente0 14 anni Rispondi

    No, direi tipo quello dei Vanilla Sky. [:

  • faustiko 14 anni Rispondi

    "Perchè si può anche tentare la via del rock in modi tradizionali e manieristici, ma ci vuole un progetto di bellezza."

    ...tipo The Black Crowes ad esempio... :[