Fallen Tears Faith 2007 - Rock, Indie, Dark

Faith precedente precedente

L'Album si articola tra stati d'animo diversi, complicati. Sensazioni fredde di una voce semplice, sospesa a tirar e far tirare il fiato.

In questo disco le influenze musicali non contano più di tanto. Non importa se è la variazione sul tema di un album dei Cure, studiato, interiorizzato, smontato e rimodellato. Non interessa se il suono seduce come i Rapture o i Liars, o fino a che punto alcune soluzioni possano essere ricondotte ai My Bloody Valentine.

"Faith" è un album bello. Ascoltarlo è come trovarsi in un posto scuro, ideale ed irreale, e sentirsi perfettamente a proprio agio, protetti da una texture labile e cangiante, che varia dal caldo al freddo, dal facile al difficile.

Le immagini, tra volumetrie simmetriche e notturni giardini urbani, sciolgono una combinazione perfetta di basso e percussioni: ritmi statici, pulsanti, dominanti in "Other Voice". Seducenti, sfocati in "All cats are grey". Improbabili in "Dubt".

Le chitarre incalzanti ricordano che l'album deriva dalla New Wave, ma il suono è davvero vario, dagli anni '80 ad oggi, dallo Shoegaze al Dark. Ciò nonostante il risultato è straordinariamente omogeneo.

Tutte le influenze sono perfettamente sintetizzate in un elegante dinamismo ipnotico che fa di "Faith" lo strumento di indagine tra l'ascoltatore e l'ascoltare.

---
La recensione Faith di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2008-02-05 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO