22/01/2008

L’ideale colonna sonora di una chiacchierata dopo cena a casa di amici. La musica non entra prepotentemente a disturbare la conversazione ma, fingendo di ascoltare le parole vuote di uno che parla da troppo delle stesse cazzate, qualcuno dei presenti potrebbe facilmente restare ad ascoltare quello che i Fragment fanno uscire dallo stereo in fondo alla sala e restarne piacevolmete colpito, magari dalla malinconica melodia di un pezzo come “Bang” o da “Stella”, un singolo zuccheroso con un ritornello tormentato che ti entra in testa già dopo il primo ascolto. Immaginate quello che provate quando ascoltate “Velouria” dei Pixies, aggiungeteci qualche parte elettronica, una batteria artificiale e una voce nasale comunque appropriata alla situazione. Il suono è accomodante e morbido, le parole si accompagnano bene alle melodie, raccontano le cose in maniera personale ma non incomprensibile. Il dolce assaggio di poche canzoni che il gruppo pugliese ci offre in un piatto - certo non troppo sofisticato - ha un gusto che piacerà a molti, ma dopo un buon antipasto la prima portata potrebbe anche deludere…

---
La recensione Fragment (Puglia) - Recensione - Fragment di Filippo Cicciù è apparsa su Rockit.it il 23/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati