Floss Russia Ep 2007 - Rock, Noise

Russia Ep precedente precedente

E’ l’inizio dell’inverno, una finestra su neve e alberi notturni, la pelle lattea di brividi e sogni. Il tono nitido e cristallino di una voce che è un’isola tra distorsioni e leggerezza, effetti nella nebbia, prismi iridescenti su un cielo di batteria mai invadente. I Floss, dopo lo splendido “Chreon ep” dello scorso anno, tornano, di nuovo, con un lavoro totally D.I.Y: ancora Sonic Youth, e noise dilatato da accenni post rock, paesaggi lunari e malinconici dove i suoni creano magnetismo, e poi ricordi i Nirvana all’improvviso (“Screenteque”) e un attimo prima tagli a piedi nudi lo zoo di Berlino (“Hic”); e tutto è immerso in un bianco e nero acceso, dove il rosso è l’energia e il resto è ombra. Tornano i Floss con un lavoro meno melodico, più intimistico e ugualmente intenso: ossigeno, gusto e bellezza, un’altra ottima prova.

---
La recensione Russia Ep di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2007-10-25 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 14 anni Rispondi

    ma il mio amore mi rende felice!!sogno una vita con questa donna, mi fa venire i brividi..d'amore.


  • utente0 14 anni Rispondi

    Attento a dire 'ste cose... ultimamente le rece troppo personali seppur brevi vengono osteggiate con un accanimento che nemmeno la mattina in fila alle Poste. Senza numeretto, ovvio.:?

  • utente0 14 anni Rispondi

    mi sono proprio innamorato di questa ragazza che scrive recensioni.Vuoi venire a vivere con me? Ho soltanto un problemino: la cucina è troppo piccola ma ci possiamo arrangiare...