04/12/2007

Dopo qualche breve disco prodotto a livello locale e dopo aver ricevuto le lodi della stampa specializzata, ecco che i Winter Beach Disco vengono accolti dalla fiorentina Black Candy per la realizzazione del loro primo album completo. “After the fireworks, we’ll sail” segna il passaggio del gruppo di Viterbo ad una nuova fase: è proprio “dopo i fuochi d’artificio”, dopo l’incanto pirotecnico che si sente il bisogno di tirare le somme e, forti delle energie ritrovate e rinnovate, riprendere il proprio cammino, magari lasciando una via troppo ampia per un’altra dai confini più stretti, anche se altrettanto trafficata (pare che il titolo dell’album derivi proprio dal valore rinnovatore attribuito ai fuochi d’artificio e al fuoco in genere).

I cinque si spogliano allora delle vesti rock’n’roll e garage-punk, ormai divenute pesanti, per amplificare la propria inclinazione post-punk. Alcuni elementi della prima impostazione persistono, come risulta dal chorus di “Can I break 3 words?”, in cui sono gli (International) Noise Conspiracy a prevalere. Ma poi tali accenni si fanno meno espliciti, meno definiti, per amalgamarsi in un suono che di garage e di bassa definizione ha poco, un suono in cui la produzione ha provveduto a valorizzare ogni singolo elemento. Il risultato è un disco coinvolgente, composto da dieci tracce danzerecce e accattivanti di cui è difficile stancarsi. Un disco che concilia la foga e le vibrazioni al basso ventre del rock’n’roll con l’immediatezza e i lampi del post-punk e che, per di più, arricchisce il tutto con trovate sonore di contorno davvero azzeccate (come in “Mystery Babylon is Coming”, “Kayoko and Cornelius” e “Gianni Bugno 2000”). Risulta facile allora legare i Winter Beach Disco ad un nome del panorama musicale nostrano come i Red Worm’s Farm, da cui ereditano la creatività ritmica e la capacità di realizzare melodie non banali di facile presa.

---
La recensione Winter Beach Disco - Recensione - After the fireworks we'll sail di Sara Loddo è apparsa su Rockit.it il 16/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati