Tunabox Demo 99 2000 - Psichedelia, Noise

precedente precedente

Tunabox, un nome che mi rimane piuttosto intrigante e questo e' decisamente un punto a favore per questa band proveniente da Mestre.

Fin dalle prime note appare chiaro che non siamo di fronte a dei simpatici cantautori bensi a quattro scalmanati che forgiano la propria musica attraverso energia e irruenza, lasciando alla melodia soltanto qualche apparizione nel loro progetto sonoro.

Sette brani vorticosi il cui impatto lascia pensare inequivocabilmente all'influsso di formazioni estere, prendendo spunto qua e la dal grunge primordiale ma soprattutto dal noise con forti tinte di psichedelia... appare facile a questo punto fare i nomi di Jesus Lizard, Helmet o, per rimanere in Italia, dei Fluxus.

Nonostante il pesante confronto, la vena creativa dei Tunabox riesce a mantenersi su livelli decisamente accettabili con piccoli sprazzi di originalita' che rendono convincenti ed interessanti i 27 minuti di questo CD-R.

Le composizioni tracciano un percorso netto e coerente dalla prima all'ultima traccia, con un basso piacevolmente ingombrante che costruisce l'impalcatura su cui va a poggiarsi un velo di chitarre acide e stonate, animate da un battito secco e impetuoso.

Fatta eccezione per 2 Fly, la voce aspra e arrembante canta liriche rigorosamente in italiano che al primo ascolto lasciano uno strano sapore, ma alla lunga dimostrano un coraggio e una personalita' che garantiscono quella marcia in piu' a dei brani che altrimenti verrebbero oscurati dall'ombra lunga del paragone ingombrante.

Tra gli episodi migliori la splendida cavalcata noise di Al di sopra il cui ritmo scuote dal di dentro o ancora l'urticante Stand By, il lamento deviato di Isola e la progressione acida di Solidistanti.

Finito l'ascolto di questo demo 99 rimane nelle orecchie un frastuono cosi' emozionante che viene da chiedersi come mai dei ragazzi cosi' pieni di carica vitale, debbano essere nati proprio qui in Italia, paese in cui una proposta simile quasi sicuramente non vedra' mai la luce dell'ufficio di un produttore discografico, rimanendo relegata in spazi che solo pochi fortunati riusciranno a gustare...

---
La recensione Demo 99 di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2000-07-18 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia