No Man's Code No man's code 2000 - Crossover

precedente precedente

Dubius. ".......con fragili bracciate attraversava l'oceano dei dubbi..".

Ebbene si. Ogni qualvolta mi trovo tra le mani CD di questo genere, sono vittima d'incertezza valutativa.

Freccia a sinistra, perchè questo dei No man's code è comunque un demo che s'immette nell'autostrada del buon prodotto.

La questione è: in che punto s'inserisce?

Stiamo parlando di crossover. E già questa potrebbe essere giustificazione alla titubanza. 1995. Vetta dell'esplosione. Del "tutto si mischia con tutto". Spuntano i Korn, Crisis, Orange 9mm, attimi dopo i Deftones. Si parla di suono innovativo. Ma contemporaneamente ci si mette in attesa...questa è la partenza, il nuovo deve ancora arrivare.

E con un po' troppo entusiasmo si punta con presunzione alle febbricitanti scintille, confidando nel parto di un genere definito.

Cosa che, a distanza di 5 anni non si è ancora realizzata.

Nel frattempo però, si è persa la verve. La freschezza. La singolarità di quel suono di frontiera.

Ci si è abbuffati di furbizia per quel che riguarda Limp Bizkit e famiglia e addirittura si parla di post-Korn con gli Slipknot. Perché alla fine, l'unico appiglio si basa proprio solo sul quel "pre/post" Jonathan Davis e compagni.

Che diventa "il genere", in assenza di quello che avrebbe dovuto modellarsi.

Tutto ciò per tornare ai nostri No man's code e chiedersi....si tratta di una band definita o l'ennesimo clone senza identità?

Francamente non ho risposte. Probabilmente ancora non esistono.

Quello che posso dire è che i 4 brani di questo cd s'inseriscono dignitosamente nella tradizione sopra esposta.

Ritmi fratturati, atmosfera allucinata, deflagrazioni metal, linee vocali massicce contrapposte a toni melodici e sofferenti. In alcuni angoli ricordano anche i 311.

Molto buono il mixaggio e la qualità del suono che rendono il lavoro decisamente superiore alla media.

Rimane il rebus.

A voi la risoluzione.

---
La recensione No man's code di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2000-07-22 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia