Kobenhavn store Action, Please! 2008 - Indie, Elettronica, Post-Rock

Action, Please! precedente precedente

Non è vero che il post rock è un cadavere a passeggio tenuto forzatamente in vita da “anemici che piagnucolano dentro ai riverberi” (cit.). Questi sono solo pensieri piccoli che rendono la pelle putrida e le orecchie sorde. E di fronte agli apriorismi c’è poco da fare. Vaglielo a spiegare che non è così. Che basta avere qualcosa di bello da dire. Che il tipo di linguaggio è soltanto un mezzo per veicolare emozioni. E quelle non hanno etichette né patenti in grado di contenerle. E allora azione, per favore. Ché c’è un signor disco da ascoltare. Le chiacchiere, al solito, stanno a zero.

E pazienza se userà arpeggi ancora più abusati di una battona di periferia. “Action, Please!” dei Kobenhavn Store è il classico esempio di usato sicuro. Quasi la versione 2.0 dei Giardini Di Mirò. Post rock, pop, elettronica. Un po’ alla maniera dei 65daysofstatic. Con qualche retrogusto shoegaze, vago memento di un passato da acerbi eroi sotterranei del dream pop, e un mare di ospiti che pesano. Tra tutti, spicca la rauca emotività di Alessandro Raina (cantante degli Amor Fou e in passato voce per la band di Jukka Reverberi), che con “We Came Down From The North” sembra essere testimone di un passaggio di consegne tra GDM e KS, e soprattutto l’ugola maestosa di Jonathan Clancy (Settlefish, A Classic Education), un piccolo miracolo di potenza ed eclettismo, perfettamente aderente alla sfuriata chitarristica di “Ants Marching On”.

E anche quando la band perde le corde vocali per seguire alla lettera le indicazioni del post rock il risultato è bello, frizzante e, ancora, emotivo. “Gardens V3”, con il suo ritmo saltellante, e la conclusiva “The Cold Season”, con i suoi suoni in reverse, sono puro stereotipo in tonalità minore, fatto però come dio comanda. La presenza dei numerosi ospiti, dunque, non droga il disco e non annebbia la capacità di giudizio di un gruppo che fa qualcosa che fanno in tanti. Però meglio di tanti. Molto meglio.

---
La recensione Action, Please! di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2008-02-11 00:00:00

COMMENTI (13)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 13 anni Rispondi

    1 ep, 2 lp; su tre prodotti, 2 promo digitali (niente cat claws) e tre buone recensioni, ma solo questa dei k-store in evidenza.
    le polemiche inutili andavano di moda anni fa, ma molte persone fanno finta di non capirlo.

  • enver 13 anni Rispondi

    vuol dire che sono bei dischi.

  • utente0 13 anni Rispondi

    a me sembra che da quando è nata 'sta 42 si è beccata promo digitali in evidenza uno dietro l'altro ed ottime recensioni di tutti i dischi.
    Mah




  • utente0 13 anni Rispondi

    :) tipico esempio da rosicamento cavalcante.
    che altro senso avrebbe altrimenti?
    Sinceramente poi, mi sembra che rockit non abbia dato cosi spazio a FakeP e Cat Claws.Quasi passati nel silenzio.
    Polemica parecchio sterile questo giro.

  • utente0 13 anni Rispondi

    i late guest mi pare ci siano già stati al mi ami

  • utente0 13 anni Rispondi

    Io avrei ringraziato anche tua sorella.
    (Il commento precedente non è stato scritto da nessuno di noi. Noi non avremmo dimenticato Gatto Ciliegia vs il grande freddo).

  • 42records 13 anni Rispondi

    grazie a rockit dei pompini.
    sapremo come ricambiare.
    tipo presentando fakep, cat claws e k.store al mi ami.
    aspettiamo anche la recensione del late guest (at the party).
    anche loro al mi ami prossimamente

  • glass 13 anni Rispondi

    it's only electro post rock but i like it...
    già ve lo comunicai in un post sul forum!!!!!!!!
    ma quanto ne so????!!!

  • utente0 13 anni Rispondi

    interessanti,sto ascoltando ora le traccie!tutto mi sembra molto curato.

  • utente0 13 anni Rispondi

    ah,se proprio deve rimaner vivo [: