< PRECEDENTE <
RECENSIONE
26/01/2009

Il dilemma è scespiriano. Essere o apparire. Osare o riposare. Suonare o imitare. Un dualismo problematico. Come nel caso dei Da'Namaste. Praticamente una coverband degli Alibia. Di più. Quasi un progetto nato con righello e squadretta. Come se la creatività fosse una semplice questione di stile. Da studiare, vivisezionare, imitare. Ma il fatto è che la musica non è una scienza esatta.

La presenza di Massimo Bonelli (cantante degli Alibia) in cabina di regia si sente. Gli intrecci strumentali raffinatissimi, le voci dialoganti, i testi malinconici: tutta roba già sentita dal gruppo di "Tra Tutto E Niente", peraltro anch'essa tacciata di suonare come se tentasse di raccogliere il testimone dagli Scisma. Ma gli Alibia avevano dimostrato di avere quello che ancora manca ai Da'Namaste. Le canzoni. Che, oltre ad arrangiamenti di chiara derivazione Benvegnù, avevano una gran forza e bellezza. E che per questo funzionavano – e funzionano – bene. Nonostante le affinità sonore delle quali si diceva.

I Da'Namaste, invece, si limitano ad approcciarsi ai loro padri putativi con un timore quasi genuflesso. Sono poco più di controfigure. Assimilano lo stile ma non fanno il passo in più. Brani pop da manuale, nel senso di formalmente ineccepibili. Come per le distorsioni pesanti di "Per Nulla E Tutto" - un caso esemplare dei danni che certo rock in italiano ha lasciato in eredità alle nuove generazioni – o per l'esistenzialismo a buon mercato di "Mira Le Cattedrali" ("Il nostro vegetare non è eterno, adesso ci aspetta un Nuovo Mondo di piramidi nucleari e di palazzi paradossali").

E sì che non mancano gli episodi più convincenti ("La Pancia Dei Pesci", "Lieto Fine"). A dimostrazione che le belle canzoni riescono a mettere in secondo piano persino il più palese dei già sentito. Se i Da'Namaste allora prendessero in mano il proprio destino e compissero un necessario e coraggioso parricidio artistico potremmo goderne tutti. Altrimenti corriamo il rischio di considerare la musica moderna come un supermercato della creatività dove c'è posto per tutto. Tranne che per la meraviglia.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (22)
Carica commenti più vecchi
  • Silvio Bernardi 29/01/2009 ore 15:58

    beh, parte luna e dita, se io fossi nella band ci sarei rimasto molto molto male, alcune frasi che hai scritto sono molto toste da mandar giù per un musicista... anche se devo dire, e preciso, che sono al di sopra delle parti, perchè non conosco il gruppo che a quanto ho capito è la fonte di ispirazione, gli alibia... non ho mai sentito le loro canzoni...

    per njaklo: curiosità qual è la storia delle due voci?

    > rispondi a @rudefellows
  • njaklo 29/01/2009 ore 23:22

    sinceramente, secondo me, è l'unica cosa che li potrebbe accomunare: due voci, una maschile e una femminile.. Ma le usano anche in modo diverso.. :|
    Mah...

    > rispondi a @njaklo
  • sliskovic 30/01/2009 ore 12:28

    E' proprio questo il punto.... gli Alibia NON sono la loro fonte di ispirazione.... o almeno: per affermare una cosa del genere ci vuole moltissima fantasia!

    > rispondi a @sliskovic
  • Ivo in cassa 3 02/04/2009 ore 10:57

    primigenio suono onirico... complimenti!

    > rispondi a @polymar1981
  • Antonio Faulista Zwei-Sbrauferlitz 13/06/2013 ore 18:52

    Ogni tanto ho bisogno, dopo anni, di tornare a leggere questa recensione: devo farlo per ricordare a me stesso come i concetti di ignoranza (musicale, ma non solo), arroganza, supponenza e buffonaggine possano stare bene a braccetto, in alcuni casi.

    > rispondi a @antonio.vonsbrauferlinden
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

La musica più nuova

Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani