Klippa Kloppa Io ti lecco quando vuoi 2007 - Pop, Elettronica

Io ti lecco quando vuoi precedente precedente

Inizia che, dopo i primi due colpi, cerchi una voce in mezzo ad “Arrancare d’amore”. C’è, ma ti senti che, da subito, voglia sfuggir via beffarda come il cagnolino cui hai tolto il guinzaglio ed è inevitabile avvenga così. Per una volta, la desidereresti più intelligibile, ma ti rendi conto sia egoistico, perché va benissimo com’è. Capisci che stia iniziando qualcosa di soddisfacente plurimi sensi. Dopo poco, ti piovono addosso liriche d’amore alla bomba a fusione termonucleare incontrollata (“Bomba h”) - e quell’”h” che diventa gemito di piacere è davvero colpo di genio. È porno-electro-hip hop fatto da bambini, osservati in maniera pedofila giocare al dottore con stetoscopi in carneossa.

La balòtta casertana dà il meglio di sé nelle tracce più sviluppate, dove l’evoluzioni timbriche e ritmiche in Why?-style godono di percorso più articolato (“L’ansia di contarti i battiti”).

Non che altri pezzi non siano altrettanto curati nel loro incedere (la trascinante “Picchiare”, nel suo Einstürzende Neubauten meet Stormy Six all’operetta), ma lì, spesso, prevale l’effetto divertissement (electro-bossa in “Paste di mandorle”), laddove altrove è invece l’orrore mio personale per certe costruzioni che non mi permette giudizio oggettivo (il minuetto di “Sarò barocca”).

Fortunatamente si ritorna poi sui binari dell’electro gentilmente stronzetta (“Seduta”): ed è in questo campo che penso sinceramente diano il loro meglio, inserendosi subito nel gruppo delle teste di serie di questa italica declinazione all’idrolitina del pop emo-elettronico. Cosa che mi spinge a metterli in fila con Swim e Comunità Montana dell’Aniene, per poi spingerli tutti giovialmente nella piscina retrostante. E vedere così le bollicine salire al cielo della prossima festa genitori-figli.

Ah, in “Vidi un gallo“ si rimanda a Battisti, ma, stavolta, è il periodo panelliano. Eh.

---
La recensione Io ti lecco quando vuoi di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2008-07-10 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • zagor 13 anni Rispondi

    questo disco luccica !

    E così anche Caserta entra nella Costa Est !

    W i fratelli.