27/11/2008

Vittorio Cane non è un genio. Non rientra tra quelli che, nonostante le scarse risorse a disposizione, riescono a produrre ottimi lavori. "Secondo" è un album a bassa fedeltà. Lui è stonato e gli arrangiamenti sono volutamente scarni senza però ottenere quell'essenzialità che tutti cercano – e pochi trovano – quando si tenta un approccio lo-fi. E le poche parentesi rap che si concede non fanno che appesantire ulteriormente una tracklist di per sé troppo lunga (molti dei 15 brani presenti potevano essere tralasciati).

Ci sono piccoli momenti di surrealismo dolce e malinconico come "Domenica" ("Oggi è ancora domenica, son sette giorni che è domenica") o "Torno su". Se facesse cantare "Dipendente" a Moltheni il risultato potrebbe essere sconvolgente. E forse è questo il vero problema: è un bravo songwriter ma un pessimo interprete e un produttore di dubbio talento. Ci crede. Ci mette impegno e devozione - e lo ammiro per questo – e dal vivo riesce anche a farti sorridere. Ma a "Secondo" mancano tante cose per essere un bel disco.

Commenti (15)

Carica commenti più vecchi
  • seymour 27/11/2008 ore 14:26 @seymour

    no no, aspetta, bugo E' un genio.

  • New Model Label 27/11/2008 ore 15:24 @newmodellabel

    Wow! La prima stroncatura che vedo su Rockit!
    Cane, riesci sempre a farti notare, non sei stonato, sei una voce fuori dal coro!
    Continua così, sempre!!!

  • Oxygen 27/11/2008 ore 16:27 @oxygen

    Per non creare equivoci: adoro la musica di Bugo..
    Bugo non è genio,..è una cosa fuori dal comune!:)

  • Marco Villa 27/11/2008 ore 16:56 @quid

    :] :] :]

  • marcello consonni 01/12/2008 ore 12:16 @magnificaossessione

    qui di genio c'è solo il genio

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati